Non gettare MAI l’olio da cucina usato! Crea questo fantastico sapone fatto in casa e risparmia MOLTO denaro

Usiamo molto olio per friggere e via dicendo. Non gettarlo, ma conservalo in delle bottiglie e riutilizzalo con questa splendida ricetta. Con essa potrai produrre saponi molto diversi che dureranno per mesi.

Per fare questo sapone si possono usare molte combinazioni di oli e grassi. L’olio d’oliva extra vergine naturalmente sarebbe il migliore da usare per questa ricetta, ma se vogliamo essere ecologisti e riusare il nostro olio esausto, questa ricetta fa proprio al caso nostro.

L’olio d’oliva è conosciuto sin dall’antichità per le sue ottime proprietà per la salute, questo sapone lo potremmo usare quasi per tutto. Sia per lavare i piatti, che per lavarci le mani ad esempio.

Molto importante prima di iniziare a lavorare è usare occhiali da lavoro e guanti in lattice, e non bisogna utilizzare utensili in alluminio!

Ingredienti
1kg di olio di oliva (esausto o no), 128g di soda caustica, 300g di acqua.

Metodo di preparazione
La ricetta che potrete vedere nel video di seguito prevede l’uso di olio extravergine di oliva biologico, ma come già detto si possono usare diversi tipi di oli, dipende sopratutto dall’uso che si vuole fare del sapone. Ad esempio se dovete usarlo per la vostra pelle, sicuramente quello non esausto è la scelta migliore, sempre meglio un olio d’oliva biologico. Se volete invece creare del sapone dall’olio esausto che state conservando, potrete usarlo per altri mille usi di pulizia o per le mani. Ma non sarebbe la migliore scelta per i capelli o per la pelle del viso, ad esempio.

Quindi per questa ricetta oltre all’olio useremo solo della soda caustica e dell’acqua, e verrà usata un metodo “a freddo” che sfrutta il calore che si sprigiona dalla soluzione di acqua e soda caustica, così da “saponificare” l’olio.

Una volta mescolata soda e acqua bisogna aspettare la reazione prima di versare l’olio, successivamente con un minipimer bisogna frullare il tutto, finché l’olio non diventa come “cremoso”, pronto per essere versato nello stampo, per dare la forma che si vuole al proprio sapone. Si possono usare molti tipi diversi di stampini, quelli che si trovano in vendita in silicone ad esempio, ma anche una semplice scatoletta rivestita di carta forno.

Una volta sformato bisogna lasciarlo in un luogo asciutto per circa 40 giorni, ma puo’ essere anche lasciato più tempo. In questa ricetta possono essere aggiunti anche olii essenziali, se si vuole. Ecco il video di “Fatto in Casa da Benedetta” da cui potrete vedere come creare questo fantastico sapone.


Consigli: Meglio versare la soluzione caustica nell’olio e non il contrario, per evitare schizzi fuori dal contenitore. La stagionatura varia in base a temperatura, umidità e circolazione dell’aria. Quindi cerca sempre un luogo asciutto ma non troppo freddo.

Questo sapone non lascerà mai le mani unte come si puo’ immaginare, ma anzi ha un forte potere detergente.  Siamo sicuri che rimarrete colpiti dal successo di queste soluzioni e soprattutto risparmierete un sacco di soldi riutilizzando l’olio esausto che molto spesso risulta molto ostico e difficile da smaltire nella maniera adeguata. Di seguito potrete vedere un altro video molto interessante su come riusare l’olio esausto per creare un sapone, insieme a molti altri consigli.

Guardando questi due video non avrete più scuse per non riutilizzare il vostro olio esausto. Invece di buttarlo via, filtratelo e conservatelo. Così potrete provare anche voi le vostre ricette, su internet troverete moltissimi altri tutorial interessanti con cui sbizzarrirvi.

Cosa ne pensate? Proverete anche voi a fare il vostro sapone?

Leggi anche: Come pulire le macchie di smalto per unghia dai mobili