Non dovresti tenere le batterie in un cassetto di casa. Ecco il motivo

Nella nostra casa è molto in voga avere un cassetto in cui possiamo andare a riporre oggetti di qualsiasi tipo, in modo da far sì che non siano sparsi inutilmente per casa. Ma ricordiamo di suddividere bene gli oggetti per categoria: penne, matite, graffette, nastri adesivi e via dicendo. Bisogna proteggere tutto nella maniera migliore, perché non possiamo mai sapere come alcuni oggetti entreranno in conflitto con altri.

Ad esempio, una delle cose a cui dobbiamo dare maggiore attenzione è la batteria, che non bisogna mai riporre fuori dalla sua confezione. Come spiega la rivisita Reader’s Digest, una batteria da 9 volt potrebbe fare un rapido cortocircuito se tocca metalli presenti nel cassetto, facendo un scintilla potrebbe rivelarsi davvero pericoloso, il tutto può scoppiare anche in un incendio. È importante tenere le batterie in un pacchetto avvolte in nastri alle estremità.


credit: pixabay/PublicDomainPictures

Alcuni oggetti metallici che possono entrare in contatto con le batterie, come graffette, parti di pc, monete, chiavi, chiodi, caricatori, fogli di alluminio, sono potenzialmente pericolosi per le nostre batterie, specie sui lati positivi e negativi. Non vale la pena rischiare di tenere delle batterie sfuse e senza protezione. Il modo più semplice per prevenire gli incidenti di questo tipo è ovviamente tenere un cassetto separato con le batterie isolate, ma c’è anche chi consiglia di conservarle nella loro confezione originale, magari con le estremità coperte con nastro isolante quando non sono in utilizzo.

Altra cosa fondamentale e che purtroppo non tutti rispettano è il metodo di smaltimento delle batterie da 9 volt, che non andrebbero mai gettate in un contenitore qualunque, con altre batterie, dato che anche queste contano come oggetti metallici. Dovremmo quindi recarci presso l’isola verde della nostra città dove potremo smaltire al meglio questi oggetti. Sempre bene consultare il sito del proprio comune di riferimento.

LEGGI ANCHE: 5 errori che tutti facciamo con un microonde