Il vecchio telefono che conservi dentro il cassetto protrebbe valere una fortuna anche più di un Iphone 11. Scopri quanto.

Oggi molti hanno voglia e desiderio di comprare un cellulare di ultimo grido, magari un Iphone 11, molto costoso e dalle altissime prestazioni.

Ma forse non tutti sanno che, parallelamente al mercato degli smarphone di ultimissima generazione, sta nascendo un mercato vintage tech che è tenuto in piedi da moltissimi collezionisti che farebbero di tutto per avere un cellulare che magari abbiamo chiuso in un vecchio cassetto da secoli e non sappiamo come smaltire.

Foto: wikipedia

Alcuni telefoni, se conservati in buone condizioni, infatti potrebbero valere una fortuna, e pensate è tutta roba uscita fra gli anni 80 e 90 o poco più.

Ma andiamo con ordine e vediamo i modelli che ci interessano:

Nokia 3310, uscito a fine anni 90, il cellulare che forse tutti hanno avuto almeno una volta nella vita, emblema di carica lunghissima e resistenza incredibile.

Foto: wikipedia

Oggi ha un valore di circa 40 euro, ma se tenuto in buono stato può tranquillamente superare i 130 euro, e non dimentichiamo che su questo telefono è disponibile la versione beta di Snake, il gioco famosissimo.

Mobira Sentaor, molto più simile a una radio che a un telefono, di dimensioni enormi, prodotto nel 1981, questo cellulare può arrivare a valere anche mille euro vista la sua rarità.

Ericsson T10, valutato anche duemila euro e Ericsson T28, venduto ancora oggi a cifre superiori a cento euro o oltre.

DynaTac 8000X, il primo esperimento del Motorola in ottica mobile. Fu immesso sul mercato in una tiratura limitata di 3000 pezzi, per tale motivo, può arrivare a valere anche mille euro a pezzo.

Foto: wikipedia

E chiudiamo con un Iphone, il 2g, device culto, che vale almeno mille euro e parte da un valore medio di 300.

Insomma se riuscite a trovare questi fossili della preistoria mobile, o se magari li possedete senza saperlo, in un vecchio cassetto abbandonato, potreste avere una fortuna fra le mani.

Potrebbe interessarti anche:  Lasci il caricabatteria del telefono sempre attaccato alla presa? Ecco quanto spendi in più in un anno