Lasci il caricabatteria del telefono sempre attaccato alla presa? Ecco quanto spendi in più in un anno


Molto spesso abbiamo l’abitudine, per noia o comodità, di lasciare i caricabatterie dei nostri dispositivi elettronici attaccati alla presa di corrente anche dopo aver completato la carica.

Si tratta di un’abitudine molto diffusa e che però incide non poco sull’ambiente e sulla nostra bolletta. Secondo gli studiosi, i caricatori che restano collegati alla presa di correnti continuano a consumare energia illimitata, al loro interno, infatti, c’è un trasformatore di corrente che rimane perennemente alimentato attraverso piccole quantità di energia che non si disperdono certo nel vuoto.

Secondo Kathryn Senior, di un noto portale che si occupa di elettricità e consumi, “energysavingsecrets” un caricatore per cellulare o smartphone, connesso alla presa di corrente senza telefono consuma 0,25 watt: un costo apparentemente irrisorio per le nostre bollette che però diviene sostanziale se sommiamo a questo i caricatori di tutti i dispositivi presenti nella nostra abitazione: smartphone, computer, tablet, ipod e via dicendo. La nostra casa infatti è collegata a tanti elettrodomestici i cui caricatori rimangono spesso attaccati inutilmente alla presa di corrente.

Togliendo tutti questi caricabatterie dalle prese abbiamo un risparmio netto di 40 euro l’anno, una cifra non bassa.

Si ricorda inoltre che lasciare un caricabatterie nella presa sempre collegato porta alcuni rischi per il posto in cui viviamo, perché rischia di surriscaldarsi provocando problemi ai componenti interni del pezzo fino ad arrivare a comprometterne le sue funzionalità.

Se l’articolo ti è stato utile ricorda di condividerlo con i tuoi amici, mettendoli in allerta di fronte un problema importante, ancora oggi, troppo spesso sottovalutato come nulla fosse, d’altronde le rivoluzioni, soprattutto quelle che riguardano l’ambiente e il cambiamento del nostro stile di vita e dei nostri comportamenti, partono proprio da piccoli gesti come quello che abbiamo appena descritto.

Leggi anche: Rita Dalla Chiesa si sfoga contro Enel. Ma arriva la Replica da Enel