Cosa avviene al nostro corpo al cambio di stagione?

Durante il passaggio tra il caldo dell’estate e il freddo dell’autunno, avvengono nel nostro corpo alcuni cambiamenti come fame eccessiva, sonnolenza, sensazione di tristezza e mancanza di energie. Molte persone soffrono di questo disturbo che viene comunemente chiamato come “mal d’autunno” o del “cambio di stagione”. Per essere più precisi questa patologie è conosciuta come Disordine affettivo stagionale.

La diminuzione della luce solare e il cambio repentino delle temperature influisce in maniera molto forte nello stato d’animo delle persone e la SAD (acronimo inglese per indicare il Seasonal Affective Disorder, che casualmente in inglese si traduce anche con la parola italiana “triste”) è stata catalogata come un vero e proprio disturbo stagionale che colpisce milioni di individui.


credit: pixabay/DanaTentis

I principali sintomi li possiamo trovare anche in alcune banali azione quotidiane, che spesso non ci accorgiamo di compiere, come ad esempio il non riuscire a svegliarci al mattino e quando a pranzo o a cena, ci dedichiamo al mangiare con una eccessiva foga, infine noteremo nelle nostre azioni di ogni giorno a una totale mancanza di attenzione. Nei casi più gravi questo disturbo può provocare la tristezza, giungendo in determinate situazioni anche a momenti di depressione.

Scientificamente questa patologia è causata da due ormoni, la melatonina e la serotonina, la cui produzione nell’organismo umano è influenzata in maniera davvero esponenziale dall’azione della luce. I mezzi migliori per curare questo disturbo sono quello di esporsi il più possibile ai raggi solari, in modo da migliorare la quantità di ormoni nel nostro corpo, svolgere una corretta attività fisica e seguire una dieta bilanciata con cibi sani ed energici.

Basterà seguire questi piccoli accorgimenti per riuscire a superare facilmente il mal d’autunno e riuscire a ritrovare un maggiore ottimismo e la vitalità che solitamente ci caratterizza durante i mesi caldi dell’anno.

LEGGI ANCHE: Come e quando fare i buchi alle orecchie ai bambini