Come rimuovere il cattivo odore tipico della pipì dei gatti


Chiunque abbia un gatto in casa è sicuramente a conoscenza del forte odore provocato dalla pipì dei nostri amici a 4 zampe. Nonostante questi siano degli animali molto puliti e solitamente sono sempre dediti ad effettuare i loro bisognini nella lettiera, è possibile che qualche volta capiti un piccolo incidente, che vi costringerà a dover eliminare questo fastidioso odore dalla vostra casa.

Quello della loro pipì è un odore particolarmente sgradevole e persistente, quindi nella pulizia bisogna essere veramente coscienziosi. La prima cosa da tenere a mente è che la rapidità del vostro intervento sarà davvero importante. Cercate sempre di essere tempestivi, in modo che l’urina interessi la minor zona possibile.

Foto: pixabay/milivanily

Utilizzate velocemente della carta assorbente, per cercare di rimuovere quanto più liquido possibile, prima di dedicarvi alla sua piena pulizia. Adesso analizzeremo come eliminare l’odore di pipì da diverse superfici:

Dal materasso
Se il vostro gatto è piccolo, delle macchie di urina sul materasso saranno sicuramente normali. Per eliminare il liquido finito sul tessuto dovrete: mescolare mezza tazza d’acqua ossigenata e mezza di bicarbonato di sodio, in modo da avere parti uguali di entrambi i prodotti. Aggiungete un cucchiaino di detersivo per piatti alla miscela precedente e mescolate bene il tutto. Dopodiché distribuite il composto sulla zona da trattare, stendendolo bene e impregnando il materasso. Strofinate bene, con movimenti circolari e risciacquate la zona con un panno umido.

Da una poltrona o dal divano
A volte la pipì dei gatti verrà rilasciata istintivamente per marcare il territorio, dato che è il loro modo per indicare “è mio”! Se la pipì verrà fatta su una poltrona o su un divano potete usare il consiglio precedente oppure creare un’altra miscela: mescolate aceto e acqua in parti uguali.
Aggiungete alla mistura del limone e del bicarbonato di sodio, tenendo presente che bisogna diluirli nella miscela con acqua, dato il loro potenziale molto acido. Inumidite una spugna con la miscela ottenuta e strofinate per bene la macchia d’urina. Ripetete il procedimento fino a che non sarà completamente sparita.

Dai vestiti
Prima di tutto verificate sull’etichetta del vestito, il modo corretto per trattarlo. Dopodiché proseguite nel seguente modo: mescolate mezzo bicchiere di aceto e mezzo di acqua. Inumidite una spugna in questa miscela e applicatela sulla macchia, strofinando bene e risciacquando con acqua tiepida. Aggiungete direttamente sulla zona interessata del bicarbonato di sodio e lasciatelo agire, in modo che penetri nelle finiture del vestito. Preparate un ulteriore composto di acqua ossigenata e sapone liquido. Usate questa miscela sopra il bicarbonato di sodio e asciugate i residui con un panno. Ricordate che in caso di capi delicati è consigliabile rivolgersi ad una lavanderia, per evitare di rovinarli.

Foto: pixabay/Benita5

Come eliminare l’odore in casa
A volte il nostro compagno a 4 zampe lascerà i suoi ricordini odorosi in qualche angolo della nostra casa e noi vi forniamo 4 ulteriori consigli per riuscire ad eliminare completamente il fastidioso odore di ammoniaca, che non fa altro che attirare pericolosi batteri: in primis come abbiamo già detto è assolutamente necessario un intervento immediato, per evitare che possa permeare nelle superfici.

Se l’urina è sul pavimento o su superfici orizzontali potete utilizzare un sapone con ossigeno attivo, che eliminerà sia la macchia che l’odore. Il limone e l’aceto sono disinfettanti assolutamente naturali e hanno anche la perfetta funzione per deodorare il nostro ambiente, usateli per rimuovere l’odore dalle superfici delicate. Indossate sempre i guanti prima di utilizzare qualunque prodotto, perché potrebbe causare qualche fastidio alla vostra cute.

Ricordate che l’igiene quotidiana della lettiera è importante per il vostro gatto e se voi non mantenete pulito il suo “wc” cercherà altri luoghi dove poter fare i suoi bisognini.

LEGGI ANCHE: Il tuo gatto ha mangiato una lucertola? Ecco cosa potrebbe capitargli