WhatsApp e il trucco per sapere chi ti ha “silenziato”

Whatsapp è probabilmente l’applicazione di messaggistica più usata del mondo. Permette di parlare con altre persone istantaneamente e gratuitamente, oltre che inviare file, immagini e video oppure fare chiamate e videochiamate senza dover fare nient’altro che aprire l’applicazione dal nostro telefono. L’applicazione si è diffusa a macchia d’olio nel mondo e davvero ormai non esiste quasi più nessuno, indipendentemente dall’età, che non la utilizzi per scrivere o fare una videochiamata ai propri cari.

Tuttavia anche su questa applicazione è possibile bloccare gli altri utenti, in modo che non possano più inviarci messaggi oppure silenziare qualcuno, in modo che i suoi fastidiosi messaggi non giungano più a noi.Ma volete sapere come fare a capire se qualcuno vi ha messo a tacere?
Ebbene esiste un facile trucchetto con cui si può capire se qualcuno ha voluto “silenziarvi”.


credit: pixabay/HeikoAL

Per riuscire ad eseguire questo semplice trucchetto, non avrete bisogno di scaricare alcuna altra applicazione, ma vi basterà solamente accedere all’applicazione WhatsApp e seguire queste procedure:
• Entrare nell’applicazione Whatsapp
• Entrare in un gruppo in cui sia voi, che la persona che eventualmente pensate vi abbia silenziato siate presenti.

• Inviate un messaggio, taggando quella persona.
• Quindi scrivete, in una chat personale lo stesso messaggio, sempre indirizzato a lei.
• Se il messaggio nel gruppo viene visualizzato, noterete il nome su “info”, viceversa probabilmente vorrà dire che vi ha silenziato.

C’è anche un altro metodo, utilizzabile solo se siete nelle vicinanze di quella persona. Infatti vi basterà mandarle un messaggio, e constatare con i vostri occhi se questo arriva sul suo telefono. Se arriva, potete stare sicuri che sia tutto a posto, viceversa è sicuro che l’altra persona vi abbia silenziato (o magari ha problemi di linea, quindi assicuratevene prima di lanciare alcune accuse).

LEGGI ANCHE: I trucchi per pulire le cover protettive di smartphone e tablet: ecco cosa fare