Viaggeremo così in aereo? La proposta di un’impresa aeronautica

Questa è una proposta molto fattibile di come potrebbe essere il viaggio aereo d’ora in poi. Come molte ricerche stanno evidenziano, il coronavirus non se ne andrà così facilmente e dunque dovremmo imparare tutti a conviverci. Inizieremo dunque di nuovo a viaggiare in aereo, e molti esperti dell’aeronautica stanno mettendo in atto delle proposte che ci permetteranno di volare in maniera sicura.

La società italiana Aviointeriors è una società che produce interni per aeromobili da più di quarant’anni, ha appena lanciato alcune proposte per il futuro relative alla posizione e alla protezione dei passeggieri all’interno delle cabine dei voli economici.

Anche all’interno degli aerei dunque è probabile che si adottino delle misure per garantire la salute pubblica e per garantire lo spostamento e la conduzione di una vita normale a tutte le persone del mondo, anche con il coronavirus in circolazione.

Guardiamo insieme queste proposte:
Ecco a voi La prima proposta: questa prima proposta riguarda le partizioni note come “Giano” e fanno riferimento all’antico dio romano che ha due facce. Il design si questi interni per aeroplano ne ricordano molto le fattezze.

I passeggieri situati ai lati saranno orientati nella direzione del volo, tuttavia i sedili centrali, secondo lo studio di questa compagnia, saranno capovolti con l’obbiettivo di garantire il massimo distanziamento sociale tra i passeggieri seduti uno accanto all’altro. Ogni posto a sedere, inoltre, sarà circondato da uno scudo protettivo che limiterà il contatto con il posto adiacente.

Quello che gli esperti dell’aeronautica vogliono ottenere è l’indipendenza sia dei passeggeri sia degli assistenti di volo che in questa maniera potranno circolare liberamente all’interno dell’aeromobile. Il materiale del pannello Janus sarà resistente, sicuro e facile da pulire. Inoltre sarà dotato in uno strato opaco con diversi gradi di trasparenza che eviterà la sensazione di claustrofobia, garantendo il più possibile la privacy di ogni passeggero.

Pubblicato da Aviointeriors su Lunedì 20 aprile 2020

Passiamo adesso alla seconda proposta: La soluzione alternativa invece presuppone una risposta rapida ed è un riadattamento delle attuali configurazioni. Si tratta dell’ipotesi di installare una protezione acrilica traslucida che può essere tranquillamente adattata ai sedili già presenti sull’aereo. Non si cambierà dunque l’assetto dei posti, ma verrà installato uno scudo protettivo chiamato “Glassafe”.

Si tratta di vere e proprie pareti trasparenti atte a minimizzare il contatto e dunque la possibilità di eventuali trasmissioni del virus. Inoltre rendono la vicinanza tra i passeggeri più sicura e richiedono per lo sviluppo un costo decisamente minore rispetto alla prima proposta. Con questa soluzione ogni passeggero rimane isolato nel proprio posto durante tutto l’arco di tempo necessario al volo.

Pubblicato da Aviointeriors su Lunedì 20 aprile 2020

Lo scudo si presenta solido, forte e sicuro ed è abbastanza trasparente da mantenere l’armonia estetica di tutta la cabina dell’aeromobile. Nell’eventualità si possono anche produrre in forma opaca per garantire un certo tipo di privacy.

«Glassafe» è una protezione che aderisce al sedile attraverso un sistema di fissaggio che consente una facile installazione e rimozione. Può essere fornito con diversi gradi di trasparenza, rimane facile da pulire e adatto a garantire la totale sicurezza igienico-sanitaria perché riduce al minimo l’interazione tra i passeggeri.

Pubblicato da Aviointeriors su Lunedì 20 aprile 2020

Finora è tra le migliori delle soluzioni proposte. Altre compagnie aeree, come una famosa compagnia nordamericana, continuano a studiare altre proposte possibili per massimizzare il distanziamento sociale, dunque la questione è in continuo sviluppo.