Tu sei que vales Gerry e Maria restano meravigliati dalla performance del concorrente. Ecco cosa ha fatto Richard Jones

Nella del 9 novembre di Tu si que vales ha fatto il suo numero anche il noto prestigiatore straniero Richard Jones che è riuscito a incantare il pubblico e soprattutto Gerry Scotti con la sua arte magica.

Il prestigiatore ha avuto due aiutanti d’eccezione, ossia Gerry Scotti e Maria de Filippi, che hanno saputo dargli una mano con grande abilità.

Richard ha dato prova di una grande maestria, oltre che nella magia anche nell’arte, infatti con un foglio e delle forbici, ha saputo ritagliare” e far comparire il volto di Leonardo di Caprio, svelando la scelta di Gerry nel numero di magia e mostrando la sua particolare capacità artistica.

Ecco perché il numero del concorrente ha impressionato i giudici e il pubblico presente in studio che proprio non sono riusciti a svelare il trucco usato da Jones, se di trucco si tratta.

Tutti sono rimasti a bocca aperta e nessuno ha avuto dubbi, promuovendo l’esibizione. Richard Jones è un ragazzo nato nel 90 e i suoi numeri di magia sono famosi in tutto il mondo, ha vinto anche la decima edizione di Britain’s got talent, la versione inglese del varietà di Canale 5.

Nel corso del tempo ha raggiunto una grande popolarità che lo hanno condotto a girare il mondo con i suoi numeri incredibili e ieri sera ha dato prova del suo grande talento anche nel programma italiano.

Guardate il video e rimarrete anche voi molto impressionati.  (qui tutta l’esibizione) Tu si que vales continua ad incantare tutti ancora una volta, segno che l’alchimia che si è creata fra i conduttori e giudici, partecipanti e pubblico, è molto forte e niente pare scalfirla.

Per questo motivo, il format di Canale 5 continua a macinare record di ascolti facendo impazzire veramente tutti. Non ci resta che attendere le prossime settimane per scoprire i prossimi talenti.

Potrebbe interessarti anche: Tu si que vales: Belen fa degli apprezzamenti al concorrente poi si rivolge al marito: “Stefano non offenderti…”