Toni accesi a Live – Non è la D’urso, durante l’ospitata in studio di Wanna Marchi e Stefania Nobile. Ecco cosa è successo

Toni accesi a Live – Non è la D’urso, durante l’ospitata in studio di Wanna Marchi e della figlia Stefania Nobile.

Le due ormai vivono in Albania, dove gestiscono un ristorante. La loro presenza in studio, dove precisano di essere state invitate e di non aver chiesto loro di venire, appare subito controversa.

Le due appaiono molto agguerrite. La Nobile è stizzita dai video trasmessi.

Le due protagoniste di due contro tutti, con davanti le sfere con i 5 personaggi, si lamentano subito precisando “Cinque sfere contro di noi? Non ci era stato detto.”

Il pubblico in studio è molto reattivo, fischi e urla contro le due ospiti del programma.

E la Nobile risponde a tono usando delle parolacce non proprio adatte alla tv. Ma si tratta solo del primo round perchè lo scontro più accesso lo avranno con i 5 ospiti nelle sfere di fronte a loro, Enrica Bonaccorti, Francesca Barra, Mauro Coruzzi, Paolo Del Debbio e Alessandro Cecchi Paone. Proprio con quest’ultimo lo scontro più forte.

Mamma e figlia hanno scontato i loro 9 anni e sei mesi di carcere, dopo essere state accusate di bancarotta fraudolenta, truffa aggravata e associazione per delinquere finalizzate alla truffa.

Adesso per allontanarsi dai pregiudici che la gente ha su di loro, si sono trasferite in Albania.

Ma il loro atteggiamento in studio, lascia un po’ tutti perplessi. Perchè nonostante abbiano scontato la loro pena, e stanno vivendo la loro seconda possibilità di vita lontane dall’Italia, alcune frasi dette inizialmente fanno sgranare gli occhi un po’ a tutti.

Soprattutto la frase della Marchi lascia tutti un po’ sconvolti quando dice: “siamo state punite per aver venduto sale a dei deficienti che ci hanno creduto”. Qui il video

Le due ospiti in studio portano un certo trambusto tanto che Barbara cerca di calmare le acque e chiede a Wanna Marchi di lanciare un messaggio chiaro, stile televendita che viene sorprendentemente applaudito dopo che la donna pronuncia queste parole “non credete a maghi e truffatori, non vi risolveranno la vita…”

Mentre la figlia di Wanna precisa “Perché dovremmo dirlo noi di non credere al sale e ai maghi? Io non ci vado dai maghi, non ci sono mai andata. Abbiamo voltato pagina e lavoriamo 15 ore al giorno. Per farlo siamo dovute andare via dall’Italia, pur di non vedere il pregiudizio della gente”

L’ultima sfera con l’ultimo ospite che deve porre le domande fa succedere un nuovo patatrac. Si tratta di Cecchi Paone che attacca subito le due ex tele imbonitrici, cne rispondono a toni e tra colpi di “pagliaccio” ed altre parole non proprio leggere.

Finisce così la movimentata ospitata di Wanna Marchi e Stefania Nobile a Live non è la D’Urso.