Il suo bambino ha la leucemia. I suoi colleghi hanno fatto 3.000 ore in più affinché si prendesse cura di lui

Gesti come questo ci fanno nuovamente credere nell’umanità.

Ci sono momenti in cui sembra che i problemi non finiscano mai, uno dopo l’altro, accumulandosi in una torre immaginaria che minaccia di schiacciarci. Ci sentiamo soli, senza via d’uscita. E anche se sembra che accada sempre meno, ci saranno sempre quelli disposti a offrire una mano .

Anche senza conoscerti.

Andreas Graf, 36 anni, e il suo figlioletto, Julius di 5 anni, di Fronhausen, in Germania, qualche tempo fa, sono stati lasciati soli, dopo la morte improvvisa della madre a causa di un problema cardiaco.

A peggiorare la situazione, la condizione del bimbo che soffre di leucemia da 3 anni ed è stato in un letto d’ospedale per 9 settimane , motivo per cui Andreas si trovava in una situazione complessa, senza tempo per prendersi cura di suo figlio.

L’unica alternativa possibile era quella di dimettersi, ma ciò avrebbe messo tutto ancora più in salita. Fu allora che la solidarietà venne in soccorso del signor Graf e del suo piccolo.

Andreas aveva bisogno di almeno un anno per prendersi cura di Julius, almeno fino a quando non stava abbastanza bene da tornare a scuola.

Ma Pia Meier, responsabile delle risorse umane dell’azienda di design in cui lavora, ha avuto la soluzione: ha fatto appello al cuore degli impiegati e li ha invitati a donare il loro tempo libero, per coprire il tempo necessario a Graf vai con tuo figlio.

E i 650 lavoratori lo hanno fatto, senza dire una parola, e anche senza aver incontrato lo sfortunato padre. Dopo due settimane, avevano raccolto 3 mila e 264 ore e mezza, abbastanza da coprire i turni del padre. “Senza questo enorme aiuto, ora sarei senza lavoro”, ha commentato ai giornali Andreas.

E anche la donna fu sorpresa dalla risposta massiccia. “Non c’era una sola persona che non ha donato”, ha detto.

Così, Andreas potrà prendersi cura di suo figlio per un anno, che dopo la chemioterapia ha mostrato risultati positivi ed è pronto a tornare alla vita normale.

Questi sono veri colleghi di lavoro.

Total
7
Shares
Related Posts