Spugne da cucina: come igienizzarle e sterilizzarle. Ecco i metodi più efficaci.

La pulizia di casa, in particolar modo in quelle stanze che richiedono un’igiene particolare è una questione da non sottovalutare. In particolare quelle stanze di servizio come cucina e bagni che richiedono una pulizia frequente e approfondita, necessitano di strumenti di pulizia ben igienizzati e disinfettati in modo da assicurare una pulizia effettiva e un ambiente salubre.

Spesso nelle spugne che usiamo per pulire sanitari e stoviglie si annidano molti batteri, per questo è necessario cambiarle spesso e disinfettarle dopo ogni utilizzo. Una spugna non igienizzati in maniera opportuna può essere ricettacolo di batteri e virus anche in enormi quantità.

A rivelare tutto ciò è stato un team di ricercatori tedeschi dell’Università di Furtwangen che ha pubblicato lo studio su Scientific Reports. Dalle suddette ricerche portate avanti dal team con a capo il ricercatore Markus Egert è emerso che una spugna usata contiene una quantità di batteri similea quella delle feci come riportato su Wired.

In termini numerici si fa riferimento a 50 miliardi di microorganismi per 1 cm cubo di spugna. Fra i batteri presenti nelle spugne che usiamo per pulire è presente la Moraxella osloensis che può essere pericolosa su chi non ha un sistema immunitario molto resistente, la Moraxella è inoltre la causa del cattivo odore che a volte è presente nelle spugne o nei capi mal asciugati.

Oltre ad essere sterilizzate in acqua bollente o microonde dopo ogni utilizzo le spugne andrebbero cambiate almeno ogni due settimane e non va mai usata la stessa spugnetta per stoviglie e ripiani.  I metodi per prendersi cura dell’igiene delle spugne sono diversi. Il sapone di Marsiglia è una soluzione efficace contro lo sporco, così come lo è il succo di limone. Basta lascia le spugne in ammollo in acqua bollente e sapone per una trentina di di minuti o con sale e limone al posto del sapone.

Per eliminare gli odori sgradevoli potete lavare le spugne con aceto, sempre lasciandole ammollo in acqua bollente, aceto e limone per due ore.  La sterilizzazione delle vostre spugne può avvenire nel forno a microonde, dovete riempire una tazza con acqua fredda, porre dentro la spugna e lasciarla nel microonde per 2 minuti alla massima potenza.

Sgrassatore, candeggina e acqua ossigenata, sono altri validi aiuti nella pulizia delle spugne, fra questi la più efficace è l’immersione in candeggina per mezz’ora, ma ricordate che la percentuale di candeggina dovrà essere di circa il 10% rispetto all’acqua.

LEGGI ANCHE: Buttare il sale nel lavandino? Ecco perchè dovresti farlo
Usi questa spugna quando fai la doccia? Allora devi leggere quello che hanno scoperto!
Addio detersivi. Ecco come pulire e sgrassare il piano cottura senza sforzo