Sostenibilità: come riutilizzare l’olio da cucina

L’olio da cucina non è spesso riciclabile, ed è molto nocivo per l’ambiente una volta esausto. Ma ci sono molti modi per riusarlo senza problemi. Oggi vedremo alcuni di questi modi, in modo da poter provvedere ad un suo riutilizzo e ad uno smaltimento corretto.

Se l’olio usato è recente ed è stato utilizzato solo per friggere un cibo, puoi riutilizzarlo senza alcun problema.

Innanzitutto, filtrare su un panno per rimuovere lo sporco. Quindi, se l’olio è stato usato per friggere il pesce, gocciola alcune gocce di limone e scaldalo un po ‘, in modo che non abbia sapore o odore di pesce.

Un altro modo per riutilizzare l’olio da cucina in altri cibi fritti è, quando l’olio è ancora caldo, posizionare fette di patate crude. La patata può assorbire il cattivo gusto e l’odore che rimane dopo la frittura. Ciò ti consentirà di riutilizzarlo.

Ora possiamo anche farci del sapone.

Avremo bisogno di: 500 g di soda, 1 l di acqua calda, 2 l di olio, 500 ml di alcol, 5 ml di olio essenziale.

Mettiamo la soda in un recipiente, aggiungiamo acqua calda e mescoliamo con un cucchiaio di legno. Quando la soda si è sciolta, allora mescoliamo per 20 minuti. Aggiungiamo solo adesso alcol, olio essenziale e mescoliamo in modo da formare una pasta cremosa e soda.

Attendiamo 24 h perché il tutto si compatti e tagliamo i pezzi del sapone così formato, in porzioni a nostro piacere, in modo da usarlo nel migliore dei modi.

Detersivo con olio da cucina

Avremo bisogno di: 3 l di olio usato, 2 l di alcol, mezzo litro di soda, 15 l di acqua bollente.

Filtriamo l’olio, versiamo in un secchio di plastica alcol e soda, mescoliamo, usiamo sempre un cucchiaio di legno. Lasciamo a riposo per un paio di ore. Aggiungiamo acqua bollente, mescoliamo. Lasciamo riposare, di nuovo, per dodici ore, conserviamo il tutto in bocce di plastica e copriamo il tutto e conserviamo in luogo sicuro.

Possiamo anche fare una bella candela.

Gli ingredienti utili sono: olio usato, paraffina, stoppino, 2 gocce di olio essenziale.

Filtriamo l’olio, sciogliamo paraffina e olio a bagnomaria, aggiungiamo le essenze. Trasferiamo il tutto in un contenitore e aggiungiamo lo stoppino. Lasciamo raffreddare. E il gioco è fatto.

Se vuoi smaltirlo ti consigliamo di non buttarlo mai nel lavandino. Conservalo in bottiglie da un litro e cerca aziende specializzate nella raccolta di questo olio. In alcune città ci sono punti di raccolta che possono tornare molto utili.

Potrebbe interessarti anche: Come creare un deodorante per ambienti in modo che il tuo bagno abbia un ottimo profumo. Facilissimo, basta 1 minuto!!