Se dormi con il ventilatore acceso, ecco cosa accade al tuo corpo

Con l’arrivo della bella stagione giunge anche il temuto caldo e si fa quindi ricorso a fonti di aria fresca come il condizionatore o il comunissimo e diffusissiomo ventilatore. Ma cosa accade al nostro corpo quando usiamo il ventilatore? Non sempre infatti il benessere del fresco è privo di rischi e conseguenze.

Se siete abituati ad accendere il ventilatore ed a piazzarvi davanti ad esseo per godere dell’aria fresca che emana direttamente sul vostro corpo, ecco cosa dovete sapere.

Ecco alcuni degli inconvenienti in cui potreste incappare nel caso in cui adottaste un uso smodato del ventilatore.

1 Secchezza


Vi è mai capitato di svegliarvi con un terribile mal di gola e la gola secca dopo aver dormito l’intera notte con il ventilatore accesso? Ciò è dovuto alla secchezza che l’aria del ventilatore causa direttamente in gola quando dormiamo con la bocca aperta. Altre zone colpite possono essere gli occhi e il naso e causare fastidi come sinusite, sangue dal naso e secchezza oculare.

2. Allergia e Asma


Un uso eccessivo o errato del ventilatore può causare o peggiorare casi di allergia o asma anche solo latenti a causa del circolo della polvere e di altri agenti allergenici presenti nell’aria.

3. Dolori

L’aria mossa dal ventilatore può causare dolori articolari e a schiena o collo, inoltre puo contrarre i muscolo dando luogo a fastidiosi dolori muscolari che possono diventare particolarmente molesti.

Se proprio non volete o non potete fare ricorso ad una fonte refrigerante alternativa o fare a meno del vostro ventilatore prendete degli accorgimenti che possano migliorarne l’uso senza dover incappare in fastidiosi inconvenienti.

Per esempio posizionatelo lontano dal viso per evitare la secchezza delle mucose e scegliete una posizione strategica che permetta una buona circolazione dell’aria.

Per quanto riguarda invece le allergie usate un depuratore d’aria e pulite bene i filtri e le ventole del vostro ventilatore prima di usarlo.