Ruffini scoppia a piangere sopraffatto dalla paura, ma si tratta di uno scherzo de Le Iene.

Paolo Ruffini, noto attore e presentatore, dopo aver avuto il suo periodo di gloria in televisione e al cinema, ha deciso di girare i teatri del Paesi con uno spettacolo che porta sul palco 5 ragazzi con sindrome di down.

Il titolo dello spettacolo che porta in tour è UP&DOWN. Le iene, sono andate a vedere lo spettacolo e gli hanno tirato un brutto scherzo.

A un certo punto sparisce un suo attore, Giacomo, nessuno è più in grado di trovarlo e chiamano Ruffini per avvertirlo della cosa.

Il tempo passa e anche Ruffini comincia a preoccuparsi seriamente. Ma squilla il suo telefono e Giacomo dice che ha trovato due persone che gli devono parlare. Pochi istanti dopo, Paolo parla al cellullare con due agenti che dicono che il ragazzo è stato beccato in un negozio a fare un furto.

Giacomo ha fatto il nome di Paolo Ruffini, spiegano gli agenti all’attore. Passano interminabili minuti e l’agente dice a Ruffini, stavolta faccia a faccia, che Giacomo, da quello che gli ha riferito, ha rubato tutto su sua indicazione.

I due scrivono il verbale ma Ruffini si accorge che Giacomo ha in tasca un portafoglio, incredibile, è il portafoglio di uno dei due agenti. Giacomo, anche stavolta, confessa che è stato Paolo a dirgli di prenderlo.

I due allora portano il ragazzo in bagno per interrogarlo ed è qui che lo scherzo si rivela. Perché Giacomo viene ammanettato al lavandino, e Ruffini perde la pazienza, chiede di essere ammanettato lui stesso.

Ruffini crolla, e in lacrime ammette di essere stato molto male, perché alcune volte, i suoi ragazzi fanno gesti che la gente non capisce, ma non dipendono da loro. (Qui il video dell’intero scherzo)

Insomma un siparietto molto divertente quello proposto dal programma di Italia 1, non molto per Paolo Ruffini, che comunque vale la pena vedere.

Potrebbe interessarti anche:  Tina Cipollari denuncia il figlio Mathias. Dopo essersi recata dalla polizia scopre che si trattava di uno scherzo delle Iene… e che scherzo