Ricordate il bambino di Profondo Rosso di Dario Argento? Ecco com’è oggi Jacopo Mariani a distanza di 44 anni dal film

Alcune pellicole rimangono nel cuore dei telespettatori oltre che per la bellezza che rappresentano anche per la storia.

Ci sono film italiani che hanno riscosso, soprattutto in passato, un successo mondiale e uno di questi è senza dubbio alcuni “Profondo rosso” di Dario Argento, uscito nelle sale cinematografiche nel 1975.

E’ stato un film che ha segnato il percorso del regista che valicò il confine da thriller ad horror e ha proseguito due anni dopo con un altro film capolavoro “Suspiria”.

I due film ebbero un grande successo di pubblico e di critica e ancora oggi sono acclamati da tutti, segno che i fan sono rimasti molto legati a questi due prodotto nonostante siano passati molti anni.

Sia in “Profondo rosso” sia in “Suspiria” c’è stato un attore che ha fatto innamorare i telespettatori: Jacopo Mariani, romano classe 65 che, nel primo film interpreta Carlo, il bambino, mentre nel secondo il piccolo Albert.

Dopo aver lavorato con Dario Argento non è stato più visto sulle scene e tanti fan si sono chiesti che fine avesse fatto.

Jacopo è rimasto molto legato al maestro dell’horror nostrano e ha raccontato in una intervista concessa a Overthere di essere stato onorato di aver svolto un ruolo così importante nei film di Argento, sono esperienze che ti segnano nel profondo e ti lasciano un grandissimo bagaglio culturale.

Nel 2017, Jacopo ha preso parte alle celebrazioni per i 40 anni del film Suspiria e a questo proposito ha detto che è stato bello poter rincontrare tutto il cast e rivedere il film in 4k, parlando dei tempi ormai andati.

Il film è vivo ancora nella mente degli spettatori, se pensiamo che Luca Guadagnino ne ha realizzato un anno e mezzo fa un remake per omaggiarne la versione originale. Anche questo ha riscosso un bel successo.

Potrebbe interessarti anche: Ricordate le gemelle di Shining? Ecco come le ritroviamo dopo 39 anni dall’uscita del film.

Total
33
Shares
Related Posts