Questo è il museo giapponese dedicato ai parassiti

Il mondo è pieno di luoghi dove poter migliorare la propria cultura, che permettono di conoscere e ammirare tantissime cose nuove.
In ogni città, possiamo trovare vari musei, che permettono di conoscere la storia della nostra specie, presentando alcune opere pittoriche o scultoree che rappresentano i vari traguardi raggiunti dall’umanità, nel campo dell’arte. Ci sono musei dedicati ai fossili, che permettono di conoscere animali e vegetali, vissuti milioni di anni fa, che oggi non esistono più.

Esistono anche dei musei dedicati a specialità gastronomiche e particolari tipologie alimentari.
Ma un museo davvero unico al mondo è quello che vogliamo presentarvi oggi.
Questo museo, sito a Meguro, un quartiere di Tokyo, in Giappone, è l’unico ad esporre una particolare tipologia di animali… i parassiti!

Ebbene sì… quello che trovate in questo museo sono quegli organismi che si sviluppano, crescono e vivono all’interno di animali e anche di esseri umani.

Questo museo nasce nel 1953, da un’idea del dottor Satoru Kamegai e al suo interno possiamo trovare oltre 60 mila parassiti, appartenenti ad oltre 300 specie diverse.
La maggior parte di essi sono conservati all’interno di piccoli recipienti colmi di formaldeide, una sostanza che permette la loro conservazione.

Tra i vari esseri conservati e mostrati in questo museo, possiamo scoprire alcuni risalenti a periodi antichissimi, e altri che hanno causato svariate epidemie, come i parassiti della malaria.

Il museo è organizzato su due piani. Al primo troviamo quei parassiti che vivono all’interno degli animali e che si nutrono di essi. Mentre al secondo piano troviamo quelli che germinano nel corpo umano.
Tra questi possiamo trovare anche una tenia, trovata all’interno di uno sfortunato paziente umano, che misura ben nove metri di lunghezza.

Questo museo sembra letteralmente uscito da un film di fantascienza, e l’atmosfera che si respira all’interno ha un che sia di futuristico, che di estremamente misterioso e inquietante.
Moltissime persone non hanno esitato a manifestare il loro raccapriccio, nel pensare a quanti esseri possano “invadere” i nostri corpi.

In questo museo c’è anche una biblioteca che conserva migliaia di volumi, che trattano di tutte le creature conservate al suo interno e degli studi effettuati su di loro, come ad esempio quella che riguarda una zanzara tropicale, che dopo aver morso un uomo ai testicoli, glieli ha fatti gonfiare fino alle dimensioni di un pallone da basket.

Una particolarità, presente in questo museo è che, al suo interno vi è anche uno splendido negozietto di souvenir, dove potete acquistare, portachiavi, borse, libri e magliette con il vostro parassita preferito.