Quando l’educazione fa male: madri tossiche

Parliamo di madri tossiche, tuttavia, è anche chiaro che ci sono padri tossici e nonni tossici. Le madri tossiche sono i pilastri dell’educazione dei bambini che, lungi dal favorire la maturità e la sicurezza personale, ancorano catene pesanti che ostacolano completamente l’indipendenza fisica ed emotiva di quella persona.

Ora, si dovrebbe dire che il ruolo della madre ha quasi sempre un peso più intenso nell’educazione dei bambini.

È lei che stabilisce quel legame di cura e affetto con il piccolo che con il passare dei giorni lascerà le sue braccia per muoversi in sicurezza attraverso il mondo sapendo di essere amato, avendo sempre quel riferimento che le ha dato un amore incondizionato ma sano , con cui maturare in modo intelligente.

Cosa c’è dietro la personalità delle madri tossiche?
Può sembrarci molto strano, ma dietro il comportamento di una madre tossica c’è l’amore. Ora, sappiamo tutti che quando si parla di amore, ci sono due facce della stessa medaglia: esiste quella dimensione in grado di promuovere la crescita personale della persona, sia a livello di coppia che a livello di famiglia, e, a sua volta, c’è anche quel lato più tossico in cui viene esercitato un amore egoistico e interessato, a volte anche asfissiante, che può essere completamente distruttivo.

La cosa preoccupante è che i genitori che mostrano tratti di tossicità, lo fanno verso le creature che sono in procinto di maturazione personale, dove la loro personalità, la loro autostima devono sistemarsi … Tutto questo, scolpirà in loro grandi lacune, grandi insicurezze a volte insormontabile Vediamo ora quali dimensioni psicologiche determinano le madri tossiche:

1. Personalità insicura
A volte una chiara mancanza di autostima e autosufficienza è nascosta in una madre tossica che li costringe a vedere nei loro figli “quella tavola di salvezza” per modellare e controllare di avere sempre al loro fianco, per coprire le loro carenze.

Vedere, ad esempio, che i loro figli iniziano ad essere autonomi, che non ne hanno più tanto bisogno e che a poco a poco riescono a guadagnarsi la vita, è una grande ansia per loro, poiché temono innanzitutto di essere soli. Quindi, sono in grado di schierare “trucchi abili”, per tenerli vicini e persino giustificare che dovrebbe essere così. Un modo per farlo è di proiettare nei bambini fin dall’inizio la loro stessa mancanza di autostima e la loro stessa insicurezza.

2. Ossessione per il controllo
La necessità per le madri tossiche di controllare ogni aspetto della loro vita li porta a fare lo stesso nella vita dei loro figli. Non sono in grado di vedere i limiti. Per loro, il controllo è sinonimo di sicurezza, qualcosa di immanente che non cambia e ciò che non cambia va bene perché li fa stare bene.

La cosa complicata di questa dimensione è che le madri tossiche tendono ad esercitare il controllo pensando che con esso fanno del bene e quindi mostrano amore per gli altri. “Ti semplifico la vita controllando le tue cose in modo che tu sia felice”, “Voglio solo il meglio per te, e quindi evito che sbagli” …

Il controllo effettuato dalla giustificazione dell’amore è il peggior atto di iperprotezione. Impediamo ai bambini di essere autonomi, capaci e coraggiosi. E ancora di più, lascia che imparino dai loro errori.

3. Proiezione di desideri insoddisfatti
“Voglio che tu ottenga ciò che non avevo”, “Non voglio che tu cada nei miei stessi errori”, “Voglio che tu diventi ciò che non sono riuscito a diventare io.”

A volte le madri tossiche proiettano nei loro figli i desideri insoddisfatti del proprio passato, senza nemmeno chiedere quello che vogliono, senza dare loro la possibilità di scegliere, pensando che così, mostrano loro un amore incondizionato, quando in realtà è “Un falso amore: Un amore interessato”

Come affrontare una madre o qualsiasi membro della famiglia “tossico”?
Tenete presente che è necessario interrompere il ciclo di tossicità.
Essere felice Ti costerà, ma devi iniziare a dire “No”, per mettere in risalto i tuoi bisogni e alzare le tue mura, quelli che nessuno dovrebbe attraversare.

È tua madre, o è la tua famiglia, la ami e sai che interrompere questo ciclo di tossicità può causare qualche danno. A volte, dire la verità su ciò che si sente fa male agli altri, ma è una necessità vitale.

Riconosci la manipolazione. Ci sono volte in cui è così sottile, che non ce ne rendiamo conto, quindi fai attenzione a qualsiasi parola, a qualsiasi comportamento. E soprattutto, non farti fermare dalla “vittimizzazione”, poiché è una risorsa facile a cui ricorrono solitamente le persone tossiche e le madri tossiche. Liberati e risorgi spazzando via le ferite.

Potrebbe interessarti anche: Le sei coppie zodiacali più tossiche. Ecco i segni che insieme fanno scintille.