Pulire o disinfettare la tua casa? Con il diffondersi della pandemia ecco com’è cambiata la routine di pulizia della casa

Questo 2020 è un anno molto travagliato per tutto il mondo. L’epidemia causata dal Coronavirus ha gettato nel panico numerosi paesi e ha portato ad un aumento dei sistemi per pulire e disinfettare persone e cose, oltre che le proprie case.

Una parte importante è distinguere tra la pulizia e la sanificazione, infatti queste sono due cose diverse e mentre la pulizia è la rimozione dello sporco e degli accumuli visibili di polveri e simili, la sanificazione è quel processo mediante il quale andremo ad eliminare batteri e microrganismi capaci di provocare malattie.

Foto: pixabay/renateko

Ovviamente in questo periodo la principale forma di cura è la prevenzione del problema, quindi se dovete uscire di casa e recarvi in luoghi dove la presenza di altre persone è maggiore o semplicemente dovete recarvi a lavoro ricordatevi di portare sempre con voi e indossare la mascherina per il viso e disinfettare spesso le mani con gel igienizzanti.

Per quanto riguarda la pulizia della casa, soprattutto in questo periodo vi consigliamo l’utilizzo di guanti e mascherina anche nel processo di sanificazione casalinga, in quanto il virus del Covid-19 permane fino a giorni interi sulle superfici. Insomma anche la routine della pulizia casalinga ormai è cambiata. Ma passiamo ad esaminare le singole stanze della casa:


Foto:pixabay/pascalhelmer

Bagno
Lavate le mani con acqua e sapone già prima di pulire il bagno e rimuovete gli oggetti di uso quotidiano quali spugne e saponi.
Dopo che l’area sarà libera dai vostri oggetti continuate rimuovendo l’eventuale polvere e in seguito prendete un panno in microfibra, versatevi sopra del disinfettante o al limite della candeggina è passatelo su wc, doccia, lavabo e anche le piastrelle. Dopo aver passato il vostro disinfettante su tutta la superficie del bagno, utilizzando un panno diverso risciacquate il tutto e asciugatelo.
Un ulteriore consiglio è lavare i vostri asciugamani almeno due volte a settimana ad una temperatura non inferiore ai 60°.

Camera da letto
Durante il corso della giornata cercate di aerare il più possibile la vostra camera da letto. La luce solare e l’aria fresca aiutano molto per l’igiene della stessa. Eliminate quotidianamente gli accumuli di polvere sui mobili e utilizzate prodotti a base di alcol per sterilizzare gli elettrodomestici presenti, ricordando sempre di asciugare il tutto per evitare l’accumulo di liquidi. Come per gli asciugamani del bagno lavate le vostre lenzuola ad una temperatura non inferiore ai 60°.


Foto: pixabay/DarthZuzanka

Cucina
La cucina è il luogo della casa dove maggiormente si genera un ambiente caldo e umido, per via delle preparazioni alimentari che vi facciamo. Proprio per questo è un posto che permette una maggiore moltiplicazione batterica, poiché questi si riproducono più facilmente in habitat simili. Evitate quindi ristagni di acqua nel lavandino e nelle pentole.
Sanificate la vostra cucina con prodotti a base di alcol o disinfettanti adatti facendo agire e poi risciacquando per bene con acqua. Cambiate quotidianamente gli stracci e i grembiuli lavandoli sempre a non meno di 60°. Evitate di portare in altre stanze gli utensili da cucina perché questo procedimento aumenta enormemente la diffusione di batteri nella vostra casa.

Oltre a questi consigli vi ricordiamo che mantenere una pulizia generale e giornaliera riduce la possibilità di sviluppo in casa di tutti i tipi di batteri che possono trovare spazio nel posto in cui viviamo. Inoltre ricordate di evitare di mescolare tra loro, proprio durante le fasi di pulizia, i vari prodotti chimici per la sanificazione casalinga, perché potrebbero produrre reazioni pericolose o corrosive, quindi limitatevi all’utilizzo dei singoli e classici prodotti come disinfettanti, sgrassatori e candeggina.

Foto: pixabay/Squirrel_photos

LEGGI ANCHE: Come disinfettare il frigorifero con una ricetta naturale