Perché non andare a dormire con i capelli bagnati?

Quante volte siamo andati a letto con i capelli bagnati, nonostante i consigli di chi ci sta intorno, soprattutto delle persone più adulte e mature siano sempre stati di non seguire questa pratica spesso consumata da troppi giovani e non solo? Si possono prendere acciacchi e malanni vari, e causare anche problemi ai capelli stessi. Ma cosa c’è di vero in questa credenza popolare?

Si tratta di una convinzione molto comune, quella che sia meglio andare a letto con i capelli perfettamente asciutti, ma non vi sono studi scientifici certi a riguardo.

Il dr. Schaffer, del Vanderbilt University Medical Center, ha chiarito che è vero che soprattutto nei mesi invernali, andare a letto con i capelli bagnati non è proprio il massimo per la nostra salute, ma questo si lega soprattutto al modo in cui i virus potrebbe proliferare e diffondersi, dato che son loro la causa di acciacchi e raffreddori. Insomma, secondo il medico, un raffreddore non viene provocato direttamente dal freddo.

Per quanto concerne la caduta dei capelli, la prof. Hermosa, dermatologa spagnola, risponde che il dormire con i capelli bagnati non influisce in nessun modo sulla perdita degli stessi e non ci sono studi che lo dimostrano. I capelli cadono soprattutto in autunno, ma la cosa ha a che fare con il fatto che la salute dei capelli comincia a diventare precaria in primavera, ma non si staccano se non dopo diversi mesi.

I parrucchieri però avvertono che andare a letto coi capelli bagnati potrebbe essere un grave errore se vogliamo capelli forti e sani dato che tenderanno a rompersi più facilmente, inoltre, in tale modo, si facilita la comparsa di funghi e batteri. È bene usare uno shampoo che risponda perfettamente al nostro cuoio capelluto ed è importante per questo trattarli bene!

Leggi anche: La vera ragione per cui non ricordiamo i nostri sogni