Parla l’avvocato della Prati “non è più gossip” : la svolta sul caso mediatico

Dopo le confessioni delle protagoniste del caso Prati Caltagiorne, tra cui Pamela Prati a Verissimo e Eliana Michelazzo a Non è La D’Urso, adesso la parola è passata all’avvocato della Prati.

Irene Della Rocca, l’avvocato di Pamela Prati, è stata ospite del salotto di Rai1 di Eleonara Daniele. L’avvocato a “Storie Italiane” è stata invitata per chiarire e fare un punto della situazione.

Ed è proprio l’avvocato che esordisce dicendo “Non è più gossip, ora le vicende saranno oggetto di indagini della magistratura”.

A “Storie Italiane” sono state mandate in onda alcune parti dell’intervista della Prati a Verissimo, proprio per mostrare le incongruenze tra ciò che la Prati ha confessato e i fatti.

Ed inoltre per fare il quadro della situazione, si è parlato del manager spacciato per Mark Caltagirone, Marco di Carlo e  di Flora Pellino, le cui immagini sono state prelevare per un falso profilo, a supporto della storia di Mark Caltagirone

In studio di certo molti, sono scettici come anche la giornalista del Fatto quotidiano, che ha anche detto “Se sbaglio sarò la prima a chiedere scusa alla signora Prati per il mio scetticismo su una vicenda squallida e grottesca. Ma allo stato la toppa mi sembra essere peggiore del buco”

L’avvocato ha esodito dicendo “Altre persone del mondo dello spettacolo si sono trovate vittima della stessa macchinazione, Sara Varone, Alfonso Signorini, Manuela Arcuri. Fatti che risalgono anche a dieci anni fa quando la mia assistita non conosceva né Michelazzo né Perricciolo”.

E poi ha anche rivelato “Con i mie collaboratori stiamo valutando se procedere con un esposto. Si tratta di una vicenda estremamente complessa. Così una volta esposti i fatti sarà l’autorità giudiziaria a procedere se riterrà opportuno

Di certo la vicenda non appare ancora chiara a nessuno, a fine puntata la Lucarelli è intervenuta con un tweet “Prima di santificarla come vittima delle manipolatrici, si rammenta che dalla Venier ha raccontato che aveva incontrato suo marito a una cena, che si erano sposati e che lui glielo aveva mandato la madre morta”.

Per l’avvocato la Prati è una vittima tanto da far sapere a “Storie Italiane”: “Stiamo lavorando anche sull’ipotesi di circonvenzione di incapace”

Ma la puntata non è finita così infatti la legale della Prati sarà nuovamente in studio, per rispondere ad ulteriori domande.

QUI la puntata di Storie Italiane