Non viene pagato per il lavoro fatto – Operaio sale su un escavatore e distrugge l’hotel nel giorno dell’inaugurazione

A volte l’esasperazione può giocare brutti scherzi. E’ successo questo ad un uomo di Liverpool andato su tutte le furie dopo che non è stato pagato per il lavoro fatto, per la costruzione di un Hotel.

Così adirato più che mai, ha cercato di vendicarsi dell’accaduto da solo, è salito sull’escavatrice e si è diretto verso l’hotel per distruggerlo, proprio il giorno che doveva essere inaugurato.

All’operaio spettavano 600 sterline, ma l’azienda gli aveva fino ad ora negato il pagamento, ecco perchè ha reagito in questo assurdo modo.

L’ingresso del Travelodge di Liverpool è stato completamente distrutto dall’autista dell’escavatore, il danno è stato causato quando il braccio del mezzo pesante ha iniziato a sfondare le finestre di vetro, i soffitti e la reception.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia, il nuovo hotel al Liverpool Innovation Park di Edge Lane, poco prima delle 15 di lunedì è stato distrutto.

In poco tempo i filmati dell’incidente ripreso dalla gente che si trovava lì intorno, sono diventati virali sui social.

Molti sono i colleghi che hanno cercato di fermarlo e farlo ragionare, ma ogni modo per convincerlo a non distruggere l’hotel è stato vano.

I danni provocati alla struttura sono stati tanti ma non strutturali.

Il video ha fatto il giro del mondo e addirittura, il gesto dell’uomo seppur forte, ha trovato la solidarietà di molte persone.

Addirittura è stata creata una raccolta di denaro sulla pagina GoFundMe non solo per donare al conducente i soldi che gli sono stati negati dall’azienda per la quale lavorava, ma anche per aiutarlo nelle spese legali che probabilmente dovrà sostenere dopo l’incidente.

In meno di 24 ore sono stati raccolti quasi 4000 sterline, davvero un buon gruzzoletto per aiutare l’operaio disperato.

Insomma di certo il gesto dell’uomo è stato forte, ma ha raccolto la simpatia di molte persone che hanno deciso di aiutarlo, dopo il danno fatto.