Non commettere questi errori pensando di rinfrescare la tua casa.

L’estate è ogni anno più calda a causa dei cambiamenti climatici e mantenere la casa fresca diventa sempre più costoso. Non commettere dunque questi errori quando cerchi di rinfrescare casa. Ci sono abitudini acquisite che riteniamo siano le più appropriate e che fanno parte della nostra routine domestica, tuttavia non sono sempre le più efficaci o adeguate per raggiungere i nostri obiettivi.

Dobbiamo valutare bene come rinfrescarci in estate soprattutto quando non abbiamo la possibilità di andare in luoghi più freschi o di recarci in piscina, in spiaggia o in montagna. Ecco alcune delle soluzioni che ci sembrano efficaci ma che non lo sono affatto. Vediamo quali sono le alternative all’aria condizionata.


Foto: pixabay/Free-Photos

Finestre aperte:
Le finestre sono l’accesso principale alle nostre case sia per il freddo che per le temperature calde, provenienti dall’esterno, pertanto tenerle chiuse permette di avere isolamento dal clima esterno. Se aprite le finestre non è detto che ventilerà. Nelle ore centrali del giorno o quando la temperatura è più alta, è meglio tenere le persiane abbassate e le imposte chiuse, specialmente in stanze come il soggiorno e le camere da letto. Questo gesto può aiutare la temperatura a scendere fino a 6 gradi. Quando cala il pomeriggio o nel caso in cui l’atmosfera si rinfreschi, è il momento di aprire, per ventilare e rinfrescare la casa grazie all’aria con una temperatura esterna più bassa.

Utilizzo del ventilatore:
C’è ancora chi crede che il ventilatore sia inutile per ottenere un effettivo rinfresco. Invece si tratta di un metodo molto efficace, l’importante è che il ventilatore si adatti al nostro spazio, alle nostre esigenze e alle nostre tasche, si tratta di una soluzione economica e alla portata di tutti. Inoltre è un’alternativa che consuma meno dell’aria condizionata, secondono un calcolo il risparmio è di 15 volte di meno rispetto all’aria condizionata.


Foto: pixabay/BUMIPUTRA

Accendere la luce:
Ogni volta che accendi una lampadina classica si diffonde il 90% della sua energia sotto forma di calore. Ti consigliamo di sostituire con luci a LED, poiché proiettano molto meno calore e, inoltre, risparmiano energia, quindi anche la tua bolletta elettrica ringrazierà. Quando si può è sempre meglio sfruttare la luce naturale.

Porte:
Se la tua casa ha un’esposizione tale da creare una ventilazione incrociata, non dovresti chiudere le porte pensando che ciò manterrà le stanze fresche. Infatti negli orari più freschi puoi aprire le finestre e consentire al vento fresco di entrare all’interno della casa, le porte aperte gli permetteranno di attraversare da un’estremità all’altra e la temperatura scende più rapidamente e rimane più fresca più a lungo. Approfitta di questa possibilità se il design della tua casa lo consente.


Foto:pixabay/4001179 

LEGGI ANCHE: Cos’è un colpo di calore? Come riconoscerlo e cosa fare.