Niccolò Bettarini indagato per diffamazione dal legale. Il motivo? Lo sfogo nel video su Instagram.

Niccolò Bettarini, figlio dell’ex calciatore Stefano Bettarini e della conduttrice Simona Ventura, è indagato per diffamazione.

Il ventenne aveva sfogato la sua rabbia sui social nei confronti anche del suo legale del tempo, che non ha lasciato passare lo sfogo del ragazzo.

Dopo l’agressione ricevuta, i due aggressori sono stati condannati in primo grado a pene comprese fra i 5 e i 9 anni di reclusione, ma in seguito mandati ai domiciliari e quindi scarcerati.

Cioò ha mandato su tutte le furie il giovane Bettarini che si è scaricato lamentadosi, delle pene date agli aggressori ed anche delle parcelle da pagare al  suo avvocato.

Il provvedimento e la mano leggera, per così dire, della sentenza, ha destato la sua ira e il ragazzo se l’è presa con tutti, con i giudici, con il suo avvocato e il sistema che non garantirebbe pene certe per chi compie certi crimini.

Nel luglio del 2018, il giovane era stato aggredito  fuori dalla discoteca di Milano, Old Fashion. Un processo che lo ha visto protagonista in prima persona e che credeva sanzionasse duramente gli aggressori.

Invece, alla fine, secondo lui, le pene inflitte a loro sono state troppo poco severe. Le parole contro tutti però gli sono costate una denuncia da parte del suo avvocato, Alessandra Calabrò.

Nel frattempo, nel clima di tensione che si respira, il 2 ottobre è iniziato a Milano, il processo d’appello agli aggressori, quindi la storia non è finita qua.

Vedremo come la storia evolverà nelle prossime settimane. La situazione non si mette sicuramente bene, e lo sfogo del giovane su instagram potrebbe essere una ulteriore tegola che si somma a tutto il resto.

Sicuramente lo sfogo è stato un po’ eccessivo, ma di certo non sarà facile per il ragazzo, dimenticare quello che gli è accaduto.

Potrebbe interessarti anche: Kiko Nalli l’ex concorrente del Grande Fratello, posta un video dall’ospedale. Ecco cosa gli è accaduto