Miliardario acquista 90 appartamenti per i poveri invece di spendere 11 milioni di dollari per il matrimonio della figlia

Tutti almeno una volta nella vita abbiamo fantasticato su cosa faremmo nella vita se divenissimo dei miliardari. Quante volte ci ritroviamo a sognare ad occhi aperti sui viaggi, i regali o l’enorme numero di possibilità che avremmo a nostra disposizione e se magari avremmo anche fatto qualcosa per aiutare dei perfetti estranei.
È questo il caso che sta commuovendo moltissime persone, grazie ad una storia diventata virale nel mondo per quello che il miliardario Ajay Munot ha fatto.

Munot è un miliardario di origini indiane che aveva messo da parte 11 milioni di dollari per pagare le spese di matrimonio della figlia, Sheyra.
Ovviamente anche se per noi queste cifre sono delle vette veramente lontane, sono abbastanza comuni per chi come Munot possiede un patrimonio inestimabile.

Apparentemente senza una valida motivazione, un giorno, Ajay ha deciso di devolvere in beneficenza l’intera cifra messa da parte per il matrimonio della figlia, nel tentativo di aiutare la popolazione senzatetto indiana.
Ha infatti utilizzato gli 11 milioni di dollari per costruire 90 abitazioni prima che arrivasse il giorno del matrimonio. Nessuno sa il perché Ajay abbia preso questa importante decisione e abbia voluto abbracciare una causa così onorabile, ma le persone di tutto il mondo stanno facendo le loro lodi a questa sua azione.

La figlia del miliardario ha manifestato grande interesse nell’iniziativa del padre ed è stata proprio lei che il giorno delle sue nozze, ha consegnato le chiavi alle famiglie che avrebbero potuto godere delle nuove abitazioni.
In ogni caso, grazie al patrimonio familiare il matrimonio di Sheyra è stato ovviamente legato ad uno sfarzo fuori da ogni immaginazione, ma nonostante tutto, la mossa fatta da Ajay merita soltanto i nostri complimenti e tutti avremmo da imparare qualcosa dal suo modo di agire.

LEGGI ANCHE: 10 animali che hanno ringraziato dolcemente gli umani per averli salvati