Meduse e anemoni di mare: cosa fare in caso di contatto


Con l’avvento dell’estate inizia quel periodo dell’anno in cui milioni di persone si recano in spiaggia, per godersi delle meritate vacanze. Purtroppo in molti casi è possibile che alcuni animali marini creino delle difficoltà anche piuttosto gravi, a causa delle loro punture o dei morsi.

Andando a mare, infatti a molte persone capitano punture da parte di meduse o anemoni di mare. Questi animali presentano delle estremità tentacolari dotate di cellule urticanti che al contatto, liberano il veleno sulle vittime. Quando questo avviene si presentano dei fortissimi bruciori, paragonabili alla sensazione di aver versato dell’acido sulla pelle.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da @simonphctos

Cosa bisogna fare in questi casi?

La parte sicuramente più importante, in caso di contatti simili è quella di uscire immediatamente dall’acqua. Verificate se sono rimasti pezzetti di tentacoli e rimuoveteli usando un panno morbido bagnato con acqua di mare.

Evitate il contatto con altre parti di pelle o provocherete solamente l’aumento dell’area colpita. Evitate assolutamente di versare dell’acqua dolce nella parte, perchè potrebbe peggiorare la situazione. Usate un oggetto come una lama di coltello oppure una carta di credito, per eliminare le vescicole presenti, che possono anche non essere visibili ad occhio nudo.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Yama (@yama_canale_alfa)

Se volete contrastare in maniera rapida le tossine, riscaldate velocemente dell’acqua salata (non bollente) e versatela sull’area interessata. Fatela cadere a pioggia sulla parte colpita o se ne avete la possibilità immergete completamente la parte del corpo dove avete subito il contatto. Lasciate che tutto faccia effetto per una decina di minuti dopodiché lasciate asciugare.

A questo punto è importante consultare un medico, per conoscere l’eventuale terapia da seguire, che varia a seconda del tipo di lesione subita. In casi rari questo tipo di tossine possono provocare delle allergie, come orticarie diffuse, gonfiore esteso e persino perdita dei sensi.

Foto: pixabay

Se dovesse presentarsi uno di questi sintomi, recatevi il più presto possibile al più vicino pronto soccorso. Una regola da seguire in maniera assoluta è quella di evitare di usare ghiaccio o urina per “disinfettare” la ferita. Si tratta di metodi assolutamente privi di efficacia e possono anche aumentare il livello dell’infezione.