Maria De Filippi saluta Raffaele Renda con delle belle parole. Ma dove avevamo visto il cantante prima di Amici?


E’ stato uno dei cantanti più discussi di questa edizione della scuola di “Amici di Maria De Filippi”, stiamo infatti parlando del giovane Raffaele Renda. Il cantante della squadra di Arisa e di Lorella Cuccarini è stato il nono eliminato durante la puntata del 24 aprile.

Dopo l’entrata nella scuola televisiva dei giovani talenti, Raffaele nel giro di poche settimane è riuscito a farsi conoscere dal pubblico riuscendo ad avere anche un ottimo seguito tra i fan e il pubblico da casa, grazie alla sua potenza vocale che però è stata criticata non poche volte.

La sua musica infatti è molto apprezzata tra i più giovani, ma spesso è stata criticata da Rudy Zerbi che ha spesso avuto da ridire sulla precisione vocale del ragazzo calabrese e sul tipo di musica che ha cantato. Raffaele sul palco di Amici ha saputo mostrare il suo talento vocale, la sua passione nell’indossare camici e completi molto appariscenti dallo stile di certo non sobrio.

Il ragazzo nonostante la sua giovane età pare che abbia le idee molto chiare sulla sua carriera da cantante, infatti prima del verdetto della sua eliminazione Raffaele ha detto a Maria De Filippi: “Qualsiasi cosa succeda è questa la mia strada. Ho avuto tante crisi nella mia vita, pensavo di smettere di cantare. Però la musica mi ha sempre ritrovato, mi ha sempre rimesso in riga. Mi ha fatto capire che devo fare questo e basta”

DOVE LO ABBIAMO VISTO PRIMA DI AMICI DI MARIA DE FILIPPI?

Fin da piccolo infatti Raffaele si è dedicato al mondo della musica intraprendendo la scuola di canto dopo il liceo. Ma la sua prima apparizione in tv non è stata ad Amici, il giovane infatti è già comparso la prima volta nel 2017 a Sanremo Young, ma solo con l’entrata ad Amici è riuscito a spopolare tra il pubblico.

Maria De Filippi ha congedato il cantante con delle parole molto belle, ecco cosa ha detto Maria al cantante: “Complimenti per la tua educazione, per il saper essere presente in qualsiasi circostanza. L’aver saputo ridere anche di cose che magari ti davano dolore, l’esserti comportato in modo assolutamente onesto e dignitoso all’interno di questa strana comunità”