Le parole di Tiziano Ferro al Papa “Grazie!”

Tiziano Ferro è uno dei contanti più amati e apprezzati nella musica italiana. Il cantante infatti ha iniziato la sua carriera musicale fin da giovanissimo riscuotendo un enorme successo. Tiziano inoltre è anche molto seguito sui social ed è proprio su questa piattaforma che ha deciso di parlare del bellissimo gesto di Papa Francesco.

In questi giorni infatti il Papa ha parlato con molta naturalezza delle importantissime unioni civili. Papa Bergoglio forse è stato il primo se non l’unico a parlare e ad affermare di essere a favore dei matrimoni tra gay.

Foto: Instagram/Tiziano Ferro

Lo stesso papa infatti ha sottolineato quanto sia importante far sentire il calore e la solidarietà a queste persone che fino ad ora purtroppo hanno pochi diritti: “Gli omosessuali hanno diritto di essere in una famiglia. Sono figli di Dio e hanno il diritto a una famiglia. Nessuno deve esserne escluso” Ha dichiarato Papa Francesco.

Un messaggio che ha commosso migliaia di persone. Lo stesso cantante infatti ha voluto dedicare un piccolo messaggio al gesto i Papa Francesco condividendo il suo pensiero proprio sui social:
“La compassione, la carità, la generosità, il conforto. Questo è sempre stato per me Dio. Grazie Papa Francesco, perché mi ricordi chi sono, da dove vengo, e quanto forte rimarrà la mia Fede, per sempre. Compassione“.

Ha scritto Tiziano quasi commosso dall incredibile cambiamento e dai passi avanti che in questi anni grazie anche a Papà Francesco sta facendo. Lo stesso infatti è fortemente commosso proprio perché ricorda quanto sia stato difficile fare coming out in questa strana società. Ma la difficoltà non è stato solo per Tiziano, in tantissimi, artisti e non, infatti hanno avuto difficoltà a fare coming out per paura di non essere accettati. Oggi però le cose stanno decisamente cambiando in meglio e ognuno può finalmente avere i diritti che si meritano.

LEGGI ANCHE: Il cambiamento di Tiziano Ferro: ecco com’era prima di diventare il cantante di successo che conosciamo oggi.