Le condizioni di Emilio Fede dopo la caduta

L’ex direttore del Tg4, Emilio Fede, torna a far parlare di sé e della sua brutta caduta che lo ha coinvolto a fine novembre scorso.

Il direttore è stato ricoverato in ospedale per qualche giorno e ha riportato diverse escoriazioni sul viso, come racconta al settimanale Oggi.

Il giornalista racconta il rischio scampato, avrebbe forse potuto riportare conseguenze ancora più gravi di quelle che ha avuto. Oggi ha 88 anni e ha temuto, dopo la rovinosa caduta, che la sua vita potesse finire in modo definitivo.

Sul corpo ne porta ancora i segni. Al settimanale “Oggi” ha parlato delle paure che lo hanno colto in quei momenti e che ancora oggi lo prendono soprattutto di notte, prima di prendere sonno a letto, quando è solo e pensa che la mattina non potrebbe svegliarsi più.

Fede ha quasi perso un occhio. È rimasto per circa mezz’ora a terra senza la forza di alzarsi o chiamare aiuto. Per fortuna un custode lo ha visto e così ha raggiunto l’ospedale dove è stato sottoposto alle cure del caso.

Il giornalista sta attualmente scontando la pena di 4 anni e 7 mesi per il processo di Ruby bis. È agli arresti domiciliari, e non sa se potrà mai riprendere in mano la propria vita.

Gli arresti non gli consentono di vedere la moglie lontano da casa e spera che chi lo ha inguaiato possa prima o poi fare i conti con sé stesso, ovviamente parla dell’ex presidente Berlusconi, che è stato imputato nello stesso processo e a cui, negli anni, è stato molto legato.

La moglie di Fede non ha parole ottime per l’ex premier e Emilio ci va giù meno pesante ma rimane comunque molto amareggiato per come si sono messe le cose.

Dice che aveva chiesto di andare a Napoli per un paio di giorni per riabbracciare la moglie, che spesso non può venire a Milano per problemi di salute.

L’ex direttore di Rete4 è stato inoltre intervistato a Tele Lombardia

Potrebbe interessarti anche: Emilio Fede in Tv è irriconoscibile. Il web si scatena ma lui assicura “Mai rifatto nulla”