Le acconciature dei vincitori del “Concorso per il congelamento dei capelli” in Canada sono sbalorditive


Forse non tanti di voi sono a conoscenza che in Canada, si tiene annualmente un concorso veramente straordinario e fuori dal comune. Si tratta infatti di una gara per i migliori capelli congelati.
Un concorso davvero particolare che si può tenere solo in pochi luoghi al mondo, e questo è stato effettuato a Takhini Hot Pools.

Serve sicuramente molto coraggio per cimentarsi in una sfida simile e certe “creazioni” sono qualcosa di veramente sorprendente. Oltre 280 persone hanno avuto l’ardire di cimentarsi in questa sfida così speciale.

Le regole del concorso sono semplici. Bisogna scattare una foto tra dicembre e marzo, che sono i mesi più freddi dell’anno. In questi periodi la temperatura si aggira intorno ai -20° C, quindi è perfetta per ottenere delle acconciature completamente congelate.

Per i vincitori di questo concorso non c’è soltanto la gloria di aver realizzato un’impresa davvero eccentrica, ma un premio in denaro di 2 mila dollari canadesi ciascuno e dei pass gratuiti per poter usufruire delle sorgenti termali. Vogliamo farvi conoscere i vincitori dell’edizione 2021, selezionati in base alla categoria per la quale hanno partecipato.

Ecco il vincitore del primo premio, della categoria “maschile”.

Questa ragazza ha vinto il primo premio, nella categoria “femminile”.

La vincitrice della categoria “il più creativo”.

Il trio che ha ottenuto il primo premio nella categoria “miglior gruppo”.

I vincitori del premio dato dalla “scelta popolare di Nongshim”.

Il primo concorso di questo genere è stato tenuto nel 2011 e da allora ogni anno ha continuato a portare avanti questa particolare tradizione, con un sempre crescente numero di iscrizioni e con elaborazioni sempre più stravaganti.

Oltre ai vincitori, ci sono state moltissime persone che hanno partecipato e alcuni “look” sono davvero strani e particolari, nonostante non abbiano ottenuto il premio della loro categoria.

Nel 2011 era stata raggiunta solamente la metà degli attuali partecipanti. Un chiaro segno che questa pratica sta attirando sempre più “coraggiosi”.

Chissà quali prodezze e quali altri particolari stili riusciremo a vedere durante gli anni a venire.