Le 5 proprietà principali del cachi per il nostro organismo. Il n.4 è importantissimo!


La pianta di cachi risulta essere una delle piante da frutta più antiche coltivate dall’uomo, soprattutto in Cina è conosciuto ed utilizzato da più di 2000 anni. Solo alla fine del 1800 questo frutto è stato portato in Italia e da subito è stato apprezzato dalla maggioranza della popolazione; tra i suoi primi sostenitori troviamo Giuseppe Verdi che addirittura scrisse una lettera di ringraziamento a chi glieli aveva donati. Ma scopriamo insieme tutte le proprietà presenti all’interno di questo straordinario frutto e i benefici che può apportare al nostro organismo.

Vitamine
I cachi sono ricchi di vitamina A e beta-carotene, che apportano molti benefici alla vista e aumentano la produzione di collagene, in modo da rendere più elastica la nostra pelle. Inoltre presentano una grande quantità di vitamina C, antiossidante per eccellenza, che rafforza il sistema immunitario, aiutandolo così a combattere i disturbi influenzali. Tra le vitamine non possiamo dimenticare di citare quelle appartenenti al gruppo B, come ad esempio la tiamina, la riboflavinae l’acido folico. Inoltre possiede una grande quantità di calcio, fosforo e magnesio.


credit: pixabay/APROTV

Sistema immunitario
Come dicevamo prima, il suo alto contenuto di vitamina C, rende questo frutto un potentissimo antiossidante, in grado di alleviare gli effetti dati dall’invecchiamento e contrastare i sintomi influenzali e delle malattie in generale. Contrastano i radicali liberi, diminuendo così la coparsa delle malattie degenerative.

Energizzanti
Se si ha una vita molto frenetica, se pratichiamo molto sport, o se si sta passando un periodo molto stressante ed attivo, questo frutto è la scelta migliore che si può fare. Questo perchè i cachi forniscono una grandissima quantità di energia al nostro organismo e quindi sono perfetto di mangiare durante la colazione o dopo aver fatto una sessione di sport.

Contro la stitichezza
Questo straordinario frutto è anche una ricca fonte di fibre. Infatti una porzione di questi, secondo uno studio, riesce a soddisfare quasi il 20% della quantità giornaliera raccomandata. Le fibre aiutano a far funzionare al meglio il tratto intestinale, alleviando i sintomi della stitichezza.

Perfetti per l’ipertensione
Chi soffre di pressione alta, dovrebbe inserire i cachi all’interno della sua dieta, in quanto riescono a mantenere la pressione a livelli ottimali. Questo perchè questi frutti sono ricchi di potassio, che aiuta la dilatazione dei vasi sanguigni, con il conseguente calo della pressione, facendo circolare il sangue con maggiore facilità.


credit: pixabay/WebArts

Esistono però anche delle controindicazioni sull’assunzione dei cachi. Infatti questo frutto non è indicato per chi soffre di insufficienza renale. Inoltre andrebbe evitato anche dalle persone affette da diabete, visto il suo alto contenuto di zucchero. Anche chi è appena stato operato di ulcera allo stomaco dovrebbe evitare il suo ingerimento in quanto può portare ad una ostruzione intestinale.