L’avete sempre usato per appenderlo? Ecco qual è la vera funzione della fessura del tagliere

Il tagliere è uno di quegli utensili che si trova all’interno di ogni cucina, piatto, creato più comunemente con una forma rettangolare, che viene utilizzato per tagliare ogni tipologia di ingrediente durante la preparazione delle ricette. Grazie a questo oggetto infatti, si evita così di tagliare gli ingredienti direttamente sui piani da lavoro, diminuendo la proliferazione di germi e batteri.

Creati in plastica, con materiali diversi, o i più classici e diffusi in legno, i taglieri hanno solitamente un manico o un solco che ci offre la possibilità di riporli o appenderli in modo tale da occupare meno spazio. Ma sapevate che la fessura che solitamente si trova su uno dei lati del nostro tagliere, può essere utilizzata anche in un altro modo, risultando così ancora più utile?


credit: pixabay/StockSnap

Infatti, grazie a questa fessura saremo in grado di inserire i nostri ingredienti direttamente all’interno delle ciotole. Tutto quello che dovremo fare sarà, dopo aver tagliato gli alimenti, farli passare attraverso il solco, in modo tale che vadano a finire all’interno della ciotola che avremo posizionato al di sotto.

Grazie a questo semplice trucco infatti potremo evitare di sporcare una maggiore quantità di superficie, non solo del tagliere, ma anche dei piani di lavoro, in quanto il cibo non cadrà su di essi. Un altro consiglio che possiamo darvi è quello di scegliere attentamente i taglieri da utilizzare all’interno della nostra cucina.


credit: pixabay/Janbarkmann

Infatti i classici taglieri in legno, nonostante siano creati con materiali resistenti, entrando spesso a contatto con l’acqua, finiscono per deformarsi e a macchiarsi. In questo modo a lungo andare, rischieremo di arrecare danni al nostro organismo.

Ecco perchè è preferibile utilizzare quelli in legno come piatti da portata per salumi e formaggi. Per quanto riguarda la loro classica funzione invece, è preferibile l’utilizzo di quelli in plastica, o più precisamente polietilene, in quanto creati appositamente per non arrecare danni alla salute.