Lacrime di Maria e Jerry a Tu si que vales, Marco si presenta sul palco e commuove tutti.

Maria De Filippi e Gerry Scotti si sono commessi in diretta tv durante la sesta puntata di Tu si que vales quando in studio si è presentato Marco Baruffaldi.

Il giovane ragazzo con la sindrome di Down è salito sul palco per cantare una canzone scritta da lui, ma prima ha raccontato la sua storia.

Marco ha esordito dicendo: “Sono Marco Baruffaldi, ho 22 anni e come vedete ho la sindrome di down, ma sono fiero di come sono. Era da tanto che volevo vedervi.”

I giudici Rudy Zerbi, Maria De Filippi, Teo Mammucari, Gerry Scotti sono rimasti sorpresi da quanto il ragazzo fosse spigliato e riempisse il palcoscenico perfettamente con la sua presenza. Ha anche detto a Iva Zanicchi di averla già conosciuta durante un evento. Insomma nessuna titubanza o timidezza, Marco sembra essere proprio a suo agio davanti ai giudici.

La sua canzone dal titolo “Siamo diversi da noi” ha commosso tutti. Si tratta di una canzone autobiografica, che il ragazzo ha raccontato di aver scritto da solo, ma di essersi fatto aiutare dal papà “solo nella metrica”.

Le parole molto forti hanno toccato profondamente tutti, giudici e pubblico, perchè a suo modo Marco con una delle sue frasi “Ci sono anche io, servo anche io” ha voluto ribadire l’importanza dell’esserci. Ha parlato della sua disabilità, del suo essere speciale e degli atti di bullismo che ha dovuto subire quando andava a scuola.

Dopo aver cantato la sua canzone, Marco si è avvicinato ai giudici e dopo un lungo abbraccio con Maria ha detto che voleva recitare anche una poesia scritta per la mamma deceduta.

La lettera struggente ha lasciato tutti senza parole. Poi Maria ha fatto i complimenti al padre per come è riuscito a tirare sù il figlio. L’uomo ha raccontato delle difficoltà del figlio, subite a scuola non solo da parte di alcuni compagni, ma anche da un insegnante di sostegno. Ecco cosa ha detto l’uomo:

“Non ha attraversato un periodo facile e vi ringrazio per averci dato questa opportunità. Noi andiamo nelle scuole per parlare di quello che è stato fatto a Marco. Lui è stato bullizzato pesantemente, gli facevano la pipì addosso ed è stato bullizzato dal suo maestro di sostegno.”

Una storia davvero incredibile quella di questo ragazzo che nonostante tutto ha dimostrato di essere forte e sensibile, e grazie alla sua voglia di vivere ha lasciato un segno profondo in tutti i giudici.

Se non avete visto Marco a Tu si que vales, qui potete trovare il video.