La bodybuilder con il viso da bambola, soprannominata “Muscle Barbie” Julia Vins ecco cosa pensa di chi la critica per i suoi muscoli


Il powerliftingdi, la disciplina sportiva competitiva nella quale ogni singolo atleta è impegnato nel sollevamento del massimo peso possibile, è ancora in molte società considerato uno sport per soli uomini e non adatto alle donne, che secondo il canone estetico più diffuso devono apparire esili, minute e più deboli rispetto all’uomo.

Eppure l’atleta Julia Vins ama questo sport da sempre, originaria di Saratov, in Russia, ha iniziato ad allenarsi in palestra a soli 15 anni e oggi è una campionessa nazionale di sollevamento pesi. Oggi Julia ha 24 anni e ha abbandonato gli studi in giurisprudenza per dedicarsi a tempo pieno all’attività atletica. E’ stata soprannominata “Muscle Barbie“, è spesso è stata criticata per il suo aspetto muscoloso.

Foto: Instagram/Julia Vins

Julia, è nata in Kazakistan ma è cresciuta in Russia, ha avuto un’infanzia difficile. Quando era bambina viveva col padre depresso e alcolizzato, i suoi genitori hanno divorziato quando la ragazza aveva 12 anni. Nonostante i momenti davvero difficili Julia ha deciso di concentrarsi sullo studio, riuscendo così ad andare avanti.

Presto scopre la passione per lo sport al punto da fare un’ora di viaggio in autobus ogni volta che doveva andare in palestra, dov’era l’unica ragazza. Inizialmente la ragazza decide di iniziare a praticare sport per migliorare la sua salute, acquisire autostima e migliorare il suo aspetto, ma poi è diventata un’atleta a tutti gli effetti.

Grazie al powerlifting, Julia è riuscita a trovare la forza e la determinazione per superare il divorzio dei suoi genitori, ottenendo numerosi premi in diverse gare di powerlifting junior in tutta la Russia. Ad oggi la giovane è stata due volte campionessa mondiale al World Powerlifting Congress e ha battuto diversi record nella competizione.

Per mantenere il suo fisico, Julia si allena dalle quattro alle cinque volte a settimana e segue una dieta rigorosa a base di pesce, uova, verdure, fagioli, riso con avena e pasta di grano saraceno come alimenti di base. Ma la giovane atleta è spesso stata presa di mira e criticata aspramente per il suo fisico.

Oggi si dice indifferente a tutte le critiche che le piovono addosso ma ha ammesso, che soprattutto all’inizio quando era molto giovane certi commenti l’hanno fatta soffrire. Spiegando che nel suo paese di origine la mentalità più diffusa è di tipo maschilista e retrogrado. Julia è invece consapevole del fatto che una donna non deve necessariamente essere un angelo del focolare, ma che può e deve inseguire i suoi sogni e le sue aspirazioni proprio come deve e può farlo un uomo.

LEGGI ANCHE: Avete mai visto il figlio di Schwarzenegger? Rimarrete di stucco! Somiglia tantissimo al padre da giovane, hanno anche gli stessi muscoli