Il vincitore della lotteria incassa il suo assegno con la maschera di Scream. Il motivo del travestimento

Il vincitore della lotteria incassa il suo assegno con la maschera di Scream. Dice di avere avuto mal di stomaco e mal di testa nel momento in cui ha saputo di aver vinto.

Quando immagini di vincere la lotteria, la prima cosa che pensi è che comprerai una grande casa in cui vivere, andrai in vacanza ai Caraibi o in un posto esotico, e magari conserverai qualcosa anche per la famiglia.

Altri pensano di donare tutto in beneficenza e altri lo investono per avere soldi per il resto della loro vita (se il premio è molto grande).

Ma c’è qualcosa che non consideriamo, perché siamo molto occupati a immaginare una vita migliore in cui non si è obbligati a lavorare in un posto che non ci piace per guadagnare soldi neccesari per sopravvivere ed essere in grado di mangiare, ciò che ci dimentichiamo è che una volta ricevuto il big check, tutti vedranno la tua faccia.

Ecco perché quest’uomo, che è stato identificato come A. Campbell, ha deciso di presentarsi per riscuotere il montepremi vestito come Ghostface, il cattivo del famoso film horror “Scream”.

L’uomo non voleva essere riconosciuto dalla sua famiglia e dai suoi amici, e da chiunque avrebbe potuto o cercato di approfittarsi di lui.

Il vincitore fantasma ha ricevuto un assegno di $ 158,4 milioni di dollari, anche se ha ricevuto un po ‘meno perché la Giamaica è il suo luogo di residenza, la conversione è equivalente a 1,17 milioni di dollari in realtà.

Abbastanza per cambiare drasticamente la vita di qualcuno.

Un altro fatto curioso: Campbell non avrebbe incassato il premio per 54 giorni, costringendo i proprietari di Super Lotto, Supreme Ventures, a lanciare campagne pubblicitarie chiedendo al vincitore di ritirare il proprio assegno prima dei 90 giorni.

Nonostante la sua fortuna, Campbell ha detto che dal momento che ha saputo di aver vinto, non si è sentito molto bene.

“Ho guardato il mio biglietto e sono corso in bagno e ho detto ‘Ho vinto! Ho vinto! ‘

Da quel giorno sono stato malato. Mi ha fatto male la testa per tre giorni di fila, perché pensavo molto, chiedendomi se forse il mio sogno si fosse finalmente avverato.

Mi ha fatto male lo stomaco per due settimane, a volte mi sentivo così male che dimentico di aver vinto. ”

Insomma c’è l’ansia da prestazione e l’ansia da vincita. Ecco perchè l’uomo ha indossato quella maschera, per paura di essere riconosciuto