Il cane dal muso deforme incanta gli amanti degli animali

Per ogni persona non esiste cane più bello al mondo del proprio. Certo, è vero che esistono degli esemplari la cui bellezza risulta quasi incomparabile, ma l’amore che si nutre per il proprio animale supera tranquillamente le differenze estetiche, anche quando queste sono decisamente evidenti.

Per migliaia di anni l’umanità ha avuto al proprio fianco cani di ogni specie e alcune di queste avevano un aspetto così magnifico da risultare semplicemente meravigliosi. Nel caso di un piccolo bastardino di nome Aardvark, invece, la bellezza non è sicuramente stato il suo punto di forza.

Questo animale è stato smarrito per le strade di Baltimora, nel Maryland, a gennaio di quest’anno, fino a che, una persona compassionevole, non ha deciso di salvarlo e portarlo in un rifugio per animali. In pochissimo tempo questo animale è diventato la mascotte del personale del locale, riuscendo a conquistare i loro cuori in men che non si dica.

Questo piccolino è nato con una particolare malformazione, una mascella inferiore decisamente sottodimensionata. Questa malformazione ha dato al suo viso un aspetto unico, facendolo assomigliare ad uno dei personaggi che si possono vedere nei cartoni animati.

Il suo viso è incredibilmente divertente e come se ciò non bastasse, anche la sua personalità è incredibilmente euforica, adattandosi alla perfezione al suo aspetto. Aardvark è un cane giocherellone e particolarmente buffo. Non passa giorno senza che riesca a far ridere il personale del rifugio e anche quando combina qualche pasticcio, non si riesce proprio a prenderlo sul serio, osservando quel buffo faccino.

Purtroppo, proprio a causa del suo aspetto non ha ancora trovato una famiglia stabile e anche se, in passato, ci sono state delle persone interessate a lui, nessuna adozione è veramente andata in porto. Comunque i responsabili del rifugio non perdono le speranze e sono convinti che prima o poi anche Aardvark riuscirà a trovare una casa e una famiglia tutta per lui.

Total
0
Shares
Related Posts