I rimedi della nonna per pulire mocio, stracci e scope: cosa fare

Quante volte ci capita di pulire i nostri pavimenti di casa ma sembra sempre tutto cosi sporco? Ebbene a volte crediamo che il problema dello sporco sta proprio nel pavimento stesso, forse troppo delicato o forse di un colore troppo chiaro o semplicemente di un materiale che intrappola la polvere, ma in realtà ci sbagliamo.

Il motivo in verità ce l’abbiamo proprio sotto al nostro naso e sono le scope e il tanto amato mocio. Quindi per ovviare ai pavimenti continuamente sporchi il primo passo da fare è quello di pulire le scope e il mocio almeno una volta al mese. La procedura infatti richiederà poco tempo ma soprattutto pochi soldi, iniziamo quindi a vedere il primo consiglio per eliminare lo sporco dalla scopa e dal mocio.

Foto: pixabay/jackmac34  

Innanzitutto eliminiamo dalla scopa tutti i residui di sporco intrappolati all’interno delle setole con ovviamente dei guanti. Successivamente riempiamo una bacinella con dell’acqua e mezzo bicchiere d’aceto e del bicarbonato, due ingredienti che chiunque ha in casa. Lasciate agire il tutto per qualche ora e poi passate al risciacquo.

In alternativa potete lavare il mocio all’interno della lavatrice a 70° versando all’interno della vaschetta del detersivo anche un bicchiere di aceto, questo permetterò di eliminare i cattivi odori e i batteri presenti sul mocio. Per quanto riguarda invece le tanto temute scope sappiamo benissimo che i nemici numero uno delle setole sono i capelli che restano intrappolati all’interno impedendo la corretta pulizia del pavimento.

Per ovviare al problema innanzitutto dobbiamo eliminare peli e qualsiasi cosa intrappolata tra le setole e successivamente se non ci riuscite potete utilizzare l’aspirapolvere per eliminare il resto della polvere dalla scopa. Successivamente mettete in ammollo il per qualche ora con del sapone di Marsiglia e lasciate agire. Per un’asciugatura migliore lasciare per qualche ora all’aria aperta.

LEGGI ANCHE: Come pulire tutti i tipi di pavimenti: ceramica, legno e porcellana. I rimedi che non conoscevi