I 2 migliori trucchi per evitare che si appannino gli occhiali con la mascherina


Quest’anno a causa della pandemia che ha colpito il mondo intero, abbiamo dovuto abituarci a nuovi modi di vivere, rapportarci con gli altri e in generale con il mondo esterno che ci circonda.

Abbiamo iniziato a fare i conti con nuove modalità di protezione dagli agenti esterni a cui la maggior parte di noi non era abituata, come ad esempio le mascherine protettive. Esistono però, per alcune persone, delle evidenti difficoltà nel momento in cui dobbiamo indossare le mascherine, soprattutto per chi porta gli occhiali da vista.


credit: pixabay/lukasz_gl

Nella maggior parte dei casi infatti, ogni volta che la indossiamo, notiamo in quanto poco tempo i nostri occhiali inizino ad appannarsi, togliendoci la possibilità di vedere nel migliore dei modi. Per fortuna però esistono dei semplici trucchi, che ci daranno la possibilità di evitare che tutto ciò possa accadere.

Siete curiosi di scoprire questi semplici metodi? Scopriamoli insieme.
Queste mascherine sono usate da decenni dai medichi durante gli interventi e anche loro spesso sono incappati in questo problema. Proprio per questo motivo, qualche anno fa, due chirurghi hanno deciso di spiegare i metodi che sono soliti utilizzare i medici per ovviare questo fastidioso problema.

Il primo trucco che i chirurghi utilizzano è quello di lavare gli occhiali con acqua saponosa, prima di indossare la mascherina, prestando attenzione ad asciugare bene le lenti con un panno morbido; in questo modo non si appanneranno più. Questo accade perchè, lavandoli con acqua e sapone, si crea una patina che impedisce al vapore di attaccarsi alle nostre lenti.

Un altro semplice trucco è quello di attaccare, all’altezza del ponte del naso, dove solitamente si trova la parte più rigida della mascherina, un cerotto. Utilizzando questo metodo, si eviterà che il respiro vada ad appannare i nostri occhiali, in quanto il cerotto fungerà da barriera.

LEGGI ANCHE: Quale mascherinaa è la più appropriata a seconda dell’età di un bambino, secondo i farmacisti