Fu il primo uomo a partorire al mondo, oggi la sua vita è molto cambiata da allora


Sono ormai trascorsi ben 13 anni da quanto Thomas Beatie ha sconvolto il mondo, rivelandosi come il primo uomo della storia a rimanere “incinto” e a partorire. Oggi Thomas ha 47 anni ed è il genitore di quattro figli. Vive felice in compagnia della sua seconda moglie e affronta ogni giorno le problematiche relative al mondo dei transgender.

Il mondo affronta ancora con molto scetticismo e polemica le vite delle persone che decidono di cambiare sesso e di raggiungere quello che ritengono il loro vero io. Il coming out di Thomas è avvenuto nel 1997, anche se aveva cominciato ad identificarsi come un uomo sin da quando aveva ancora 10 anni.


credit: Youtube/OWN

Gli ci sono voluti vari anni per riuscire ad affrontare gli interventi che lo hanno portato alla riattribuzione chirurgica del sesso e nel 2007 ha mostrato il suo modo pionieristico di vivere, rimanendo incinto tramite inseminazione artificiale, per via del fatto che la sua prima moglie, Nancy, fosse sterile.

In seguito il suo primo matrimonio non si è concluso bene e la coppia a divorziato. Tuttavia ormai Thomas era diventato celebre come il primo papà a mettere al mondo un bambino. Da quel giorno la sua vita è cambiata radicalmente.


credit: Youtube/OWN

La rivelazione pubblica del suo status, avvenuta durante un’intervista da Oprah Winfrey, ha avviato un excursus davvero incredibile.L’uomo ha avuto dalla sua parte tantissimi sostenitori, così come tante altre persone hanno manifestato la loro totale disapprovazione e hanno anche mostrato comportamenti ostili nei suoi confronti.

Thomas ha dovuto anche affrontare una incessante attenzione mediatica, causata proprio dalla sua condizione e egli stesso rivela che non è stato per niente proficuo al suo primo matrimonio.


credit: Youtube/OWN

Oggi quest’uomo vive una vita tranquilla a Phoenix, in Arizona e cerca costantemente di educare le altre persone a rispettare e accettare lo stile di vita che ciascuna persona decide di condurre, dato che la libertà di esprimere se stessi è l’unica cosa che non dovrebbe mai essere limitata in nessun modo.