Flavio Briatore lo conosciamo tutti, ma cosa faceva il noto imprenditore prima di diventare famoso?

Flavio Briatore è uno dei manager più conosciuti in Italia e all’estero. Il noto imprenditore non è famoso solo per i suoi importanti investimenti e per la sua ricchezza, ma anche perchè si è sempre accompagnato a belle donne, da Heidi Klum a Naomi Campbell fino a sposarsi poi con la bella conduttrice e showgirl italiana Elisabetta Gregoraci.

I due hanno insieme un figlio, Nathan Falco e seppur separati dopo 13 anni di matrimonio, ci tengono a tenere dei buoni rapporti per il bene del figlio,. I tre vivono a Montecarlo e sembra che nonostante la separazione vadano molto d’accordo, tanto da aver passato anche le vacanze di Natale tutti insieme in famiglia come mostrato dalle foto condivise sui social.

Foto: Instagram/Flavio Briatore

L’imprenditore ha sempre avuto diversi interessi in ambito economico, ma prima di diventare famoso e ricco cosa faceva?

Briatore è nato in provincia di Cuneo, a Verzuolo, dopo il diploma da geometra, fa vari lavori, cameriere, assicuratore e agente di Borsa, nel 1974 diventa dirigente di una importante commissionaria di Borsa la CONAFI. Da lì la sua carriera professionale decolla, si trasferisce a Milano e i suoi settori di interesse si ampliano, fa affari con Luciano Benetton ed inizia la sua carriera nella Formula 1.

Il manager dopo poco diventa famoso in tutto il mondo, è sua l’idea di chiamare Michael Schumacher a correre per la Benetton e in seguito a quell’ingaggio nel 1994 il pilota si è aggiudicato il titolo di campione del mondo. Gli interessi dell’imprenditori sono molteplici, si interessa al turismo soprattutto in Sardegna dove possiede diversi locali di lusso.

Inoltre pare avere anche dei lussuosissimi locali anche a Dubai e a Montecarlo, città che ormai è diventata la sua principale residenza. Insomma la sua fama è nota a tutti non solo per gli affari economici, per le ospitate televisive che spesso fanno molto discutere, ma anche per essere spesso al centro della cronaca rosa.