Entrambi dicono di essere i padroni del cane, il giudice decide di farlo entrare in aula – pochi minuti dopo la sua sorprendente sentenza.

Davvero insolita ma piena di amore la vicenda che vi racconteremo oggi. É accaduta qualche tempo negli Stati Uniti, nel programma televisivo giuridico in onda dal 1996 dal titolo “Judge Judy” corrispettivo italiano di “Forum”.

Argomento del processo era la custodia di un cane simil barboncino di nome Baby Boy che veniva conteso fra due persone, un uomo e una donna, che sostenevano di essere entrambi i suoi padroni.

Purtroppo entrambi erano sprovvisti dei documenti di identità del cane e questo non era ovviamente in possesso di un microchip di riconoscimento, mancanza davvero molto grave soprattutto in questi casi.

Ognuna delle due parti ha avanzato la propria tesi e diverse argomentazioni a proprio vantaggio per il possesso del suddetto cane, ma queste non erano in alcun modo sufficienti a risolvere il caso.

Allora il giudice Judith Sheindlin , nota per essere anche un animalista ed avere davvero a cuore la causa degli animali ha un’idea geniale. Decide di far scegliere la propria famiglia proprio al piccolo Baby boy, che immediatamente corre fra le braccia dell’uomo senza alcuna esitazione.

Il caso si rivela così risolto in tutta sincerità e semplicità. Tuttavia, la controparte ha avuto da ridire sostenendo che, il suo cane faccia così con tutti e lamentandosi del fatto che, quello non fosse un metodo consono per la risoluzione del contenzioso.

Il giudice si è tuttavia detta soddisfatta della risoluzione, per cui la seduta è stata proaciolta e Baby boy è tornato dal suo amico umano, con il quale starà per sempre.

Questa storia ci insegna come sia fondamentalmente importante dotare il proprio cane di microchip di riconoscimento, tanto per tutelare lui quanto per tutelare voi. Non si tratta di un capriccio della legge, ma è assolutamente un’operazione necessaria.

Infatti, è molto facile che un cane scappi erroneamente durante una passeggiata o da casa o ancora potrebbe essere rubato da malintenzionati o ancora peggio abbandonato da dei farabutti, il microchip in questi casi sarebbe di fondamentale importanza.

Se questa storia è piaciuta anche a te condividila con i tuoi amici su facebook.

Total
14
Shares
Related Posts