Creano un abito da sposa con 1.500 maschere riciclate


Molte persone hanno dovuto rimandare il giorno del fatidico “sì” con il proprio partner, a causa degli eventi che da oltre un anno hanno sconvolto il mondo. Tuttavia sembra che ci siano delle novità promettenti che cominciano a mostrare un po’ di speranza in più.

Un designer di nome Tom Silverwood ha creato un particolare abito da sposa, utilizzando degli oggetti che sembrano andare molto di moda ai nostri giorni… le mascherine protettive. Ovviamente questo oggetto non è utile per una questione estetica, quando per la salvaguardia della salute.


credit: Youtube/RT en Español

Per creare il suo particolare abito da sposa, quest’uomo ha dovuto sfruttare ben 1500 mascherine riciclate. Il modello gli è stato commissionato da una società inglese e ad indossare l’abito lungo le strade di Londra è stata la modella Jemima Hambro.

Ad occuparsi del finanziamento è stato il sito web di wedding planner Hitched ed è stato il loro messaggio proprio per celebrare il ritorno dei matrimoni in territori inglese. La donna sembrava davvero bellissima in questa veste ed è stata fotografata in varie location, come il Millennium Bridge e gli esterni della Cattedrale di St. Paul.


credit: pixabay/iira116

Dato che attualmente sembra che non ci sia un modo ecologico per riciclare questi particolari mezzi, hanno voluto farlo in modo davvero particolare. Il capo realizzato ha anche un forte significato simbolico, dato che finalmente, nel paese, stanno ritornando i matrimoni, pratica bloccata da tempo a causa del Covid.

La realizzazione ha richiesto molto tempo e sicuramente non è un abito creato per la vendita. Tuttavia è riuscito ad attirare moltissimo l’attenzione delle persone online, che hanno visto questo gesto come un segnale di coraggio, per tornare a riappropriarsi di alcune abitudini della vita quotidiana.


credit: Youtube/RT en Español

La modella che ha indossato il vestito è stata intervistata e ha voluto suggerire che, anche se i matrimoni sono tornati liberi e non hanno più l’obbligo di indossare la mascherina, è sempre meglio continuare a portarla, per evitare che possano diffondersi involontariamente nuovi focolai di contagio.