Come usare e congelare al meglio l’aloe vera


L’aloe vera è una pianta divenuta molto famosa per le sue grandi proprietà curative. Oltre ad essere perfetta come pianta ornamentale infatti, ha proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti e lassative. Le sue spesse foglie, hanno al loro interno un gel trasparente che può essere utilizzato per svariate problematiche.

Oltre a quelle elencate in precedenza infatti, è perfetto per lenire le bruciature, le ferite e le irritazioni. L’utilizzo dell’aloe vera può davvero sorprendere, grazie all’infinità di benefici che apporta al nostro organismo.Ottimo per il cavo orale, per diminuire i fastidi causati da infezioni, gengiviti, afte e infiammazioni presenti nella bocca.


credit: pixabay/zoosnow

È un perfetto alleato anche per quanto riguarda irritazioni della pelle causate da punture di insetto, eritema solare, orticaria o più semplicemente per chi ha la pelle molto secca.

Possiede infatti una potente azione idratante che è in grado di aiutarci, soprattutto per chi ha problemi di dermatiti, come ad esempio la psoriasi. Applicare questo gel sulla pelle infatti ci offre la possibilità di diminuire i fastidi causati da infiammazioni e dolori, rendono più veloce la guarigione.

Ma sapete come si preleva il gel dalle foglie della pianta nel modo corretto?
• La prima cosa da fare è scegliere una foglia abbastanza consistenze.
• A questo punto tagliamo la punta della foglie e le estremità laterali, in modo da intravedere il gel.
• Adesso possiamo separare il resto della foglia con l’interno gelatinoso ed utilizzarlo per le nostre necessità.


credit: pixabay/Rosina-Sch

Inoltre, una volta estratto questo composto gelatinoso, possiamo riporlo all’interno di un contenitore per una più lunga conservazione, oppure ancora versarlo negli stampi dei cubetti di ghiaccio, in modo da avere delle monodosi pronte ad ogni utilizzo, riponendole in freezer.

Una piccola controindicazione che ha l’aloe vera riguarda le donne in dolce attesa, in modo specifico per quanto riguarda l’ingerimento. Infatti è sconsigliato assumerlo durante il periodo di gravidanza.