Che tipo di mascherina devono indossare i bambini? Dimensioni, approvazioni e dove acquistare


Da quando è iniziata la crisi sanitaria del coronavirus, l’uso della mascherina si è diffuso come una delle principali misure per prevenire il contagio. Questo uso è diventato ancora più diffuso dopo che è stato reso obbligatorio negli spazi pubblici.

Ora, con l’inizio del nuovo anno scolastico, ne è stato imposto l’uso obbligatorio nelle aule e sui trasporti scolastici anche per i bambini sopra i 6 anni. Quindi, conoscere il tipo di maschere da utilizzare è fondamentale.


credit: pixabay/HVesna

Le maschere per bambini, secondo la guida sul corretto utilizzo delle maschere predisposta dal Ministero, sono progettate secondo tre taglie, che vanno dai 3 ai 12 anni. Queste sono le fasce di età e le misure secondo le normative UNE:
• Piccola (3-5 anni): altezza 5,5 cm / larghezza 13 cm
• Media (6-9 anni): altezza 6,5 ​​cm / larghezza 15 cm
• Grande (10-12 anni): altezza 8,5 / larghezza 17 cm

In generale, i ragazzi e le ragazze dovrebbero preferibilmente indossare maschere chirurgiche o igieniche con specifica UNE. Tra le caratteristiche fondamentali di queste maschere c’è quella di coprire naso, bocca e mento.

Devono essere realizzate con idoneo materiale filtrante, riportato anche nel documento della norma UNE, e, inoltre, il loro materiale deve consentire la respirazione quando essa entra a contatto con la pelle dell’utilizzatore senza che vi siano rischi di irritazione.

Per acquistarle, è meglio andare direttamente in farmacia, poiché è un prodotto medico. È vero che non tutte le maschere hanno taglie per bambini, anche se le maschere per adulti possono essere facilmente convertite per adattarsi alle dimensioni dei più piccoli.


credit: pixabay/Alexandra_Koch

Allo stesso modo, le maschere chirurgiche possono essere acquistate al supermercato, sebbene possa anche essere difficile trovare una taglia per bambini anche in questo caso. Possono essere usate anche le maschere in tessuto che si possono trovare nei negozi, anche se bisogna fare ancora attenzione alle normative vigenti in ogni Paese.