Camicie di Lino: come stirarle?


Molti tendono a usare camicie di lino che sono ottime sia per avere un outfit sportivo, sia per essere eleganti. Un’eleganza che però bisogna saper indossare nel migliore dei modi, perché questo tipo di tessuto è allergico alla stiratura, e questo è uno dei suoi lati negativi, infatti è soggetto, molto spesso, a stropicciature, pieghe, pieghette, e così via.

Eliminarle, certe volte, ci pare veramente impossibile. Ma cosa possiamo fare, quindi, per stirare una camicia di lino senza problemi di sorta? Sicuramente una delle tecniche migliori è quella dell’inamidatura. Inamidare una camicia di lino è molto semplice e possiamo farlo usando prodotti in spray molto facilmente reperibili.

Il vantaggio è veloce, anzi immediato: il lino, poi, tende a sgualcirsi con minor frequenza rispetto ad altri materiali. Altro dettaglio di fondamentale importanza è che il sole tende a raggrinzire il lino, quindi, quando mettiamo ad asciugare i capi che sono fatti di questo tessuto, è bene tenere a mente che dobbiamo evitare di tenerli al sole troppo a lungo.

Seguendo questi consigli, siamo sicuri che trattare questo tipo di capi sarà molto più semplice, su questo non c’è alcun dubbio. Per lavarla, ricordiamo di seguire sempre le indicazioni riportate sull’etichetta.

Il lino può essere lavato anche a temperature alto essendo una fibra forte. Ma stiamo attenti al colore e soprattutto se all’interno del capo ci siano fibre più delicate, in questo caso, usiamo temperature più basse. Non esageriamo con la centrifuga, in quanto possiamo rischiare che le pieghe siano più frequenti, diventando ingestibili da tenere a freno, anche con il ferro da stiro.

Insomma, nessun problema insormontabile con il lino da ora in avanti, seguendo piccole cose e semplici dettagli, come quelli appena illustrati, siamo sicuri che le cose andranno nel migliore dei modi e potremo usare questo tipo di capi come e quando preferiamo.