Bagnino striglia i turisti che buttano le cicche in spiaggia. Prende il megafono e dà una lezione a tutti


Siamo in una situazione molto delicata a livello ambientale, dobbiamo stare attenti al nostro comportamento, di certo, non possiamo fare più finta di niente.

A volte seguire certe semplici regole può cambiare le sorti del pianeta, e contribuire a salvare il mondo sempre più martoriato dal nostro comportamento.

Poche semplici regole, appunto, che possono salvare l’ambiente e non distruggere l’ecosistema che abitiamo. In estate tutti o quasi andiamo in spiaggia, e qui, dobbiamo seguire alcune leggi non scritte per non importunare noi stessi e gli altri bagnanti, e purtroppo, va detto, non tutti lo fanno.

Luca Sestri, bagnino sardo della spiaggia di Santa Reparata, a Santa Teresa, ha deciso, un bel giorno, di far sentire la sua voce per strigliare gli autori di gesti inopportuni sulle spiagge.

Come riporta il Corriere, il bagnino ha preso il megafono, urlando verso i turisti incivili di non lasciare i mozziconi di sigaretta a terra, infatti, questi impiegano ben 12 anni per decomporsi. La sua arringa è stata pubblicata anche su facebook e ha fatto il giro del web.

Incredibili sono le sue parole: “Questa spiaggia è un regalo della natura,ma merita rispetto. Mi rivolgo ai fumatori e alle fumatrici che abbandonano i mozziconi sulla sabbia. Non sta bene, perché voi a casa vostra non lo fate. Avvicinatevi da me che vi consegno il portacenere. Buona giornata e rispettiamo la spiaggia”.

Parole pazzesche che hanno lasciato una riflessione amara nella mente di tutti i turisti presenti. Eppure, la gente ha capito e il suo appello è stato accolto con un fragoroso applauso.

E voi cosa ne pensate? Come vi comportate in spiaggia? Fatecelo sapere nei commenti e condividete questo articolo, esempio di fulgida civiltà, per sensibilizzare tutte le persone che conoscete.

Leggi anche: Il cliente butta una bottiglia dal finestrino – Il tassista gli dà una lezione che non dimenticherà mai