A 2 anni scompare nella folla. 43 anni dopo, lei stessa risolve il mistero dietro la sua scomparsa.

Nei primi anni ’70, un soldato americano incontrò una donna vietnamita del sud al culmine della guerra del Vietnam.

La coppia ha concepito due figlie: Berni Slowey e sua sorella minore, Rose.

Saigon stava cadendo nell’aprile del 1975, quando Berni aveva 4 anni e Rose ne aveva 2. Le loro vite, insieme alla vita della madre, erano in pericolo, c’erano voci secondo cui i nordvietnamiti avrebbero danneggiato e torturato chiunque avesse un legame con l’esercito americano.


Prima che i vietnamiti del Nord si infiltrassero e conquistassero Saigon, Berni, Rose e i loro genitori appresero che potevano essere trasportati in aereo via dal paese, insieme a molti altri cittadini disperati.

Ma proprio mentre l’aereo si preparava a partire, il caos puro si scatenò tra la folla di persone in preda al panico e a famiglie urlanti che tentavano di scappare per salvarsi la vita.

Rose, a soli 2 anni, in qualche modo si è persa e venne separata dalla sua famiglia nella confusione e nella mischia. Nonostante una ricerca frenetica, la bambina non si trovava da nessuna parte – e l’aereo stava per decollare.

Mentre la decisione era ardua, la madre scelse di fuggire con Berni, piuttosto che perdere l’opportunità della fuga e affrontare gli orrori che i nord vietnamiti avevano programmato.

Gli Stati Uniti hanno salvato Berni ed i suoi genitori proprio mentre Saigon è caduta in mano ai nemici. Sono giunti negli Stati Uniti e hanno ricostruito una nuova vita lì.

Per molti anni, la madre di Berni non parlò di Rose. Era troppo doloroso e non ha mai superato il senso di colpa per aver lasciato indietro sua figlia.

Berni è diventata moglie, madre di due figli e imprenditrice di successo a Denver, in Colorado.

Anche lei è cresciuta ossessionata da quello che è successo a Rose. Quando è cresciuta Bernie, si è recata in Vietnam per cercare risposte. Ha parlato pubblicamente di sua sorella e di quello che è successo in quel giorno del 1975, ma non ha ricevuto risposte utili.

Nel 2012, la madre di Berni morì a causa di quello che secondo Berni era la sindrome del cuore spezzato per la scomparsa della figlia minore.

Berni trascorse quarant’anni pensando che Rose fosse persa e smarrita per sempre. “Pensavo che non avremmo mai trovato mia sorella”, ha detto alla CBS.

Poi, nel maggio 2018, una donna con tre figli, di nome Vannessa vide uno spot pubblicitario in TV che pubblicizzava un kit di DNA fai da te.

Decise di acquistarne uno, quell’acquisto sbloccò un mistero che durava da 43 anni.

Vannessa era in realtà Rose, anche lei viveva negli Stati Uniti, era stata adottata da una donna vietnamita.

Vannessa (Rose) non sapeva di essere stata adottata, solo nel 2018, la madre adottiva le rivelò la verità: era stata trovata da sola vagare per le strade di Saigon, quando aveva solo 2 anni.

Così decise di provare a rintracciare la sua famiglia d’origine e fu cosi che trovò Bernie e un nuovo test del DNA confermò la loro parentela.

Le due sorelle finalmente sono riuscite ad incontrarsi e sperano che la loro storia possa ispirare altri a ritrovare le proprie radici.

[Credit: CBS Denver]