4 ingredienti naturali da usare per fare giardinaggio

Avere il pollice verde è un sogno che in molti hanno, ma che purtroppo non tutti possiedono e spesso questo fa sì che le nostre piante ne risentano particolarmente. Grazie alle varie scoperte fatte nel corso degli anni, siamo venuti a conoscenza di molte tecniche che possono aiutarci ad evitare che le nostre piante muoiano a soffrano.

Forse non tutti sanno che, alcuni di questi metodi possono essere fatti con l’utilizzo di ingredienti naturali, di facile reperibilità e che spesso abbiamo già all’interno della nostra dispensa. Siete curiosi quindi di conoscere alcuni di questi semplici trucchi che, grazie all’uso di comuni ingredienti naturali, possono essere di grande aiuto per la cura delle nostre piante, sia in vaso che piantate in giardino? Scopriamoli insieme.


credit: Youtube/Cookist

1. Latte scaduto
Spesso capita di ritrovarsi a casa con qualche confezione di latte scaduto, niente paura! Non c’è bisogno di buttarlo ed è facilmente riciclabile. Gli ingredienti che ci serviranno saranno solamente latte miscelato con un pò d’acqua. Grazie a questo composto versato sul terreno, non solo lo nutrirà, ma terrà anche lontano gli insetti.

2. Bicarbonato di sodio
Il bicarbonato è uno di quegli ingredienti naturali versatili e di facile reperibilità che è sempre utile avere in casa. Per utilizzarlo sulle nostre piante, basterà solamente cospargerlo su tutto il terreno e avrà un’azione fertilizzante. Inoltre tiene lontani gli insetti.

3. Lievito scaduto
Anche il lievito è un perfetto fertilizzante per le piante e quando ci ritroviamo nella dispensa delle dosi scadute, possiamo utilizzarlo proprio su di esse. Tutto quello che dobbiamo fare è miscelarlo, come di consueto, con l’acqua fino a quando non sarà ben sciolto e a questo punto lo andremo a versare sulla nostra pianta.


credit: Youtube/Cookist

4. Patate
Le patate sono sicuramente uno degli ingredienti sempre presenti in casa. Ma sapevate che sono un ottimo alleato per la cura delle piante? Quello che dovremo fare è sbucciare le patate, tagliarle a cubetti e inserire tutto, compresa la buccia, all’interno di una ciotola con acqua, lasciandola riposare per circa due giorni. Non appena il tempo necessario sarà trascorso, rimuovere le patate e le bucce, andando ad estrarre tutto l’umido, strizzandole. A questo punto non ci resterà che filtrare il liquido che andremo poi ad utilizzare per annaffiare le nostre piante.