300 ballerini scendono in strada a Times Square, dopo che il principino George è stato deriso per aver scelto di fare danza classica

Dopo che la la giornalista Lara Spencer durante il programma Good Morning America, trasmesso dalla rete Abc, parlando degli interessi del piccolo principino George, lo ha deriso per il suo desiderio di voler studiare danza, si è trovata subissata dalle critiche arrivatele da tutto il mondo.

Molti amanti della danza e non solo si sono fatti avanti in difesa del balletto e anche del piccolo George, ribadendo in vari modi, come il Balletto è anche una disciplina per maschi.

Ancora nel 2019 le discriminazioni non sembrano placarsi. Nonostante i tanti ballerini affermati, che ballano in teatro e in tv, ancora molti pensano che la danza sia una disciplina “da femminucce”.

E’ veramente vergognoso che si pensi ancora questo. A difendere il piccolo George ci ha pensato l’Italico ballerino Roberto Bolle che su Instagram ripostando l’intervento di Lara Spencer che ride, parlando della voglia del piccolo George di prendere lezioni di danza, scrive:

“Vorrei sapere se avete trovato questo video divertente o inappropriato. Come ballerino maschio io stesso, trovo un po’ difficile che Lara Spencer abbia permesso che ciò accadesse. È già abbastanza difficile per così tanti ballerini maschi che vengono presi in giro.”

Foto: Facebook/The Royal Family

Roberto Bolle su Facebook ha aggiunto:”A chi ha ancora pregiudizi sui ragazzi che sognano di diventare ballerini dico che sono anacronistici. E anche un po’ sciocchi.”

Sul Web si sono susseguiti una serie di iniziative volte a difendere il balletto maschile, si sono diffusi gli hashtag #metutu e #boysdancetoo per sottolineare come il ballo è per tutti, maschi o femmine, senza distinzione di genere.

A New York, un gruppo di ballerini professionisti è sceso in strada e precisamente, a Times Square, per mostrare al mondo che anche i ragazzi danzano. Circa 300 ballerini hanno risposto con i loro passi di danza alla giornalista Lara Spencer.

La donna non ha potuto che scusarsi davanti a tutti “Le scuse più sincere per il mio commento inappropriato”, ma ovviamente questo non è bastato a placare ciò che la sua risata ha provocato in men che non si dica, amplificandosi in poco tempo in tutto il mondo e diventando virale.