11 foto di cose molto singolari che ci offre il mondo

C’è un famoso detto che recita che il mondo è bello perchè è vario. A volte riuscire a trovare la meraviglia in ciò che ci circonda è solamente una questione di prospettiva. Se si ha la creatività giusta e in determinati casi anche molta pazienza, è possibile riuscire davvero ad assistere a dei piccoli spettacoli naturali.

A volte basta vedere con altri occhi, soffermarsi sui dettagli e lasciarsi trasportare dalle meraviglie che può regalarci questo mondo per sorprenderci, talvolta è il passare del tempo che modificando il suo percorso regala nuove visioni. Di seguito potete vedere dei particolari scatti che mostrano proprio come la bellezza si possa trovare perfino nei posti più nascosti.

1. Questa è l’immagine di una tartaruga che ha appena concluso il suo periodo di letargo.

2. Siamo in Svizzera, per la precisione a Ginevra e questo è il punto esatto dove due fiumi si collegano tra di loro.

3. Dodici fotografie scattate nello stesso posto, alla stessa ora, nella stessa posizione ma per i diversi mesi dell’anno.

4. Questa fotografia mostra perfettamente la forza della natura: questo albero è stato colpito da un incendio, che però è riuscito a scalfirlo solo a metà.

5. La differenza di valore tra oro e argento, diverse proporzioni ma stesso valore, cioè 5000 euro.

6. Una visuale dei colori dei geroglifici prima che sbiadissero nel tempo.

7. Un orologio davvero incredibile che, nel 1982, con una particolare connessione è riuscito a trasmettere i programmi tv.

8. L’avanzamento della tecnologia: una pila di floppy disc per un totale di memoria di 132MB e una chiavetta USB dalla capienza di 128 GB.

9. Due immagini dello stesso luogo, ovvero le indicazioni per arrivare ad una pista sciistica nella versione estiva e in quella invernale.

10. Questa foto ci propone come sarebbe la visuale che avremmo guardando l’orizzonte se il pianeta Giove fosse posizionato al posto della Luna.

11. A sinistra possiamo vedere il classico pomodoro che tutti conosciamo, mentra a destra ne possiamo ammirare uno coltivato da un seme di 150 anni fa.